Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Presepe di Branzi: 5 mila lampadine e 50 figure, da oltre 25 anni

Da oltre 25 anni è uno dei presepi più illuminati e caratteristici dell'alta Valle Brembana grazie alle sue oltre cinquemila lampadine.
18 Dicembre 2019

Da oltre 25 anni è uno dei presepi più illuminati e caratteristici dell'alta Valle Brembana grazie alle sue oltre cinquemila lampadine. Stiamo parlando del presepio di Branzi, allestito ogni anno nei prati a fianco della strada provinciale che porta a Foppolo.

Ideatore di questa rappresentazione Silvano Midali, commerciante del paese, che nel 1992 decise di disporre le sue (ora 50) figure luminose lungo il percorso di quattrocento metri, precisamente dall'oratorio di San Rocco fino all'area verde a fianco della chiesa parrocchiale.

 

“Ho pensato che Branzi potesse meritare un allestimento originale, così dal dire al fare è stato un passo breve – raccontava il commerciante qualche anno fa in un'intervista a L'Eco di Bergamo -. Per realizzare le sagome ho utilizzato il metodo di Giotto: l’immagine di piccole dimensione l’ho trasportata ingrandendola sul cartone in base alla prospettiva, poi ho seguito la sagoma saldando tondini in ferro e infine ho provveduto allo studio e alla costruzione dell’impianto elettrico al fine di garantire una maggiore durata ed  efficienza. Tutto questo in intere notti di paziente lavoro al freddo dei garage sotto il cinema parrocchiale”.

"Non è un lavoro semplice, le statue raggiungono anche i 4 metri d’altezza e c’è bisogno di una costante manutenzione, ma grazie al successo che tutti gli anni riscuote  è stato un bell’investimento – dice Midali -. Ringrazio l’Amministrazione comunale che da sempre sostiene questa iniziativa, provvedendo all’allacciamento provvisorio di energia elettrica dal 4 dicembre al 7 gennaio e impegnandosi a pagarne il consumo".

(Foto: Marco Caccia via Pieroweb.com)

 

 

 

Ultime Notizie

Gnocchi di zucca e amaretti dell'Hotel Miramonti

Nuova puntata della rubrica "Sapori in Valle" con un'altra ricetta firmata Hotel Miramonti. Questa volta scopriamo come vengono preparati i gnocchi  di zucca e amaretti nelle cucine dell'albergo di Rota d'Imagna.

La scuola dagli anni '60 ai '90, Dorina Carrara si racconta: "La maestra deve essere una guida"

I suoi occhi hanno visto per quarant’anni generazioni di bambini della Valle Brembana crescere tra i banchi di scuola. Lo stesso sguardo attento non è mai mancato per i suoi sei fratelli, per suo marito e i loro tre figli. “Ringrazio il Cielo di avere ancora la vista, che è la cosa più importante” esordisce Dorina Carrara, 82 anni compiuti il 13 agosto, mentre legge un quotidiano in attesa dell’intervista.

Le malefatte dell'orco in Valle Brembana

Nelle leggende brembane possiamo trovare l'orco, un essere gigantesco, violento e crudele, che si cibava di bimbi sottraendoli dalle culle. Se ne andava in giro di notte, a fare dispetti ai più nottambuli o a chi doveva alzarsi presto al mattino. Bastava un nulla per agitarlo e per chiunque lo incontrasse erano guai seri.

X
X
linkcross