Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

S.Omobono, la dirigente scolastica: ''L'anno finisce senza campanella e sorrisi. Per settembre pronti ad adattarci''

Nuova lettera aperta della dirigente scolastica dell'Istituto Comprensivo di Sant'Omobono Terme, Marzia Arrigoni, con i ringraziamenti rivolti a tutto l'istituto per l'impegno dimostrato durante questo anno particolarmente difficile.
8 Giugno 2020

Nuova lettera aperta della dirigente scolastica dell'Istituto Comprensivo di Sant'Omobono Terme, Marzia Arrigoni, con i ringraziamenti rivolti a tutto l'istituto per l'impegno dimostrato durante questo anno particolarmente difficile.

"Non avremmo mai pensato di finire l’anno scolastico a distanza, senza l’urlo al suono della campanella, senza i saluti, i sorrisi e per qualcuno i pianti che accompagnano questo momento molto particolare. Quest’anno passerà alla storia perché caratterizzato da tante difficoltà e novità, ma anche da opportunità che la nostra scuola ha cercato di cogliere e di sfruttare.

Adattarsi in corsa ad una situazione così nuova non è stato facile e, sicuramente, guardando indietro si sarebbe potuto pensare a soluzioni migliori. Tuttavia, l’emergenza, ci ha portato a decidere con rapidità adattando le disposizioni alle esigenze che si presentavano. Mi sento di ringraziare l’intero istituto per aver reagito con rapidità e con energia alle novità. In particolare i docenti tutti a partire dalla scuola dell’infanzia, la primaria fino ai docenti della scuola secondaria.

Tutti hanno lavorato con dedizione e altissima professionalità per modificare la propria metodologia d’insegnamento e adattarla all’utilizzo della tecnologia affrontando argomenti disciplinari anche complicati, senza però dimenticare di comprendere i bisogni e le necessità degli studenti. Questo è stato reso possibile grazie al loro impegno notevolmente maggiore in termini di tempo ed energia spese rispetto alla normale attività. Lodevole è il fatto che tutto ciò è iniziato prima che il Ministero rendesse la didattica a distanza obbligatoria.

Ringrazio i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze per essere stati migliori anche di noi adulti. In questo difficilissimo momento nonostante abbiate dovuto rinunciare a stare con gli amici e ad uscire da casa, avete comunque continuato ad impegnarvi nelle attività che la scuola ha proposto e nelle lezioni a distanza dimostrando maturità e spirito di adattamento. Ringrazio le famiglie perché, mai come in questo periodo, la vostra vicinanza è stata fondamentale per il buon esito della didattica a distanza (conosco la difficoltà nell’inventarsi a volte insegnanti e a volte motivatori per i propri figli). Voi, genitori, vi siete aiutati gli uni gli altri e avete permesso ai docenti di conoscere le difficoltà emergenti per migliorare l’intero sistema. Si è creata così una rete sociale che non deve andare persa.

Un grandissimo riconoscimento va ai rappresentanti dei genitori che sono stati i direttori di questa nuova e forte rete sociale. Molti sono andati oltre ai compiti che il ruolo richiede e si sono dimostrati validi sostegni per le famiglie e per i docenti. Ve ne sono grata. Mi congratulo con il personale amministrativo che ha lavorato incessantemente per gestire, nonostante le difficoltà, le pratiche necessarie per il proseguo dell’anno scolastico. Un ringraziamento particolare va anche agli assistenti educatori e ai volontari degli spazi compiti che hanno seguito a distanza i ragazzi più fragili. Esprimo riconoscenza alle Amministrazioni comunali, all’Azienda Speciale Consortile, alla Protezione Civile, alle Associazioni tutte che hanno portato il loro aiuto e supporto al nostro istituto. Infine ringrazio i miei collaboratori più stretti, in particolare il prof. Angioletti, la prof.ssa Bertuletti e le funzioni strumentali per aver condiviso con me le fatiche di questo anno.

Ho una speranza: quella di non perdere le competenze apprese, mi piace pensare che ciò possa essere il fondamento da cui ripartire. Non conosciamo ancora le modalità di riapertura per il nuovo anno scolastico, ma sono certa che l’istituto comprensivo di Sant’Omobono Terme sarà pronto ad adattarsi a tutto. Comunque si riparte a settembre. Buona estate!".

Articoli Correlati

Campagna anti Covid: linee potenziate a S.Omobono e S.Giovanni, nuovo hub a Zogno

Nel centro vaccinale allestito nel foyer dell’Auditorium “Lucio Parenzan” salgono a oltre 1700 le somministrazioni giornaliere grazie a una accelerazione organizzativa. Potenziate anche le linee vaccinali a San Giovanni Bianco e S. Omobono. Al vaglio l’attivazione di ulteriori linee anche a Zogno. L’Asst Papa Giovanni XXIII pronta ad erogare dal 2 dicembre il 25 per cento dei vaccini somministrati su tutto il territorio bergamasco.

X
X
linkcross