''Senza la Paladina-Sedrina, la variante di Zogno non porterà benefici'': l'appello del Comitato Viabilità

Eleonora Busi 04/03/2021 0 commenti

Dopo l'appello del sindaco di San Pellegrino Terme e del vicesindaco di Zogno, anche il Comitato Viabilità Valle Brembana ha deciso di scendere in prima linea a sostegno di un tema particolarmente sensibile ai brembani (e non solo): si tratta della cantierizzazione della variante di Villa d'Almè alla strada provinciale ex SS470dir, nonché il terzo lotto della Tangenziale Sud più conosciuto come “Paladina – Sedrina”.

In una nota firmata dai rappresentanti – Ezio Sangiovanni Gelmini, Bruno Piazzalunga, Giancarlo Viscardi e Loredana Viscardi –, il Comitato si rivolge direttamente a Gianfranco Gafforelli, Presidente della Provincia di Bergamo.

Siamo consci dell’impegno che l’Amministrazione ha posto in essere per poter dare il via a questo ultimo lotto di completamento della Tangenziale sud di Bergamo e di questo ne diamo atto – si legge nell'appello – ma purtroppo ad oggi, complice anche l’inaspettata e considerevole lievitazione dei costi stimati, non si può ipotizzare una realistica data di inizio dei lavori. Le opere realizzate da Treviolo a Paladina (riqualificazione stradale) e a Zogno (variante in galleria) non porteranno alcun beneficio alla valle Brembana se non saranno integrate con la realizzazione dalla variante in questione”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

Questo perché, come sottolineano dal Comitato, il rischio è che il problema non venga risolto, ma semplicemente si sposti a monte da Curno a Valbrembo, e a valle da Zogno a Botta di Sedrina.

Sarebbe paradossale aver investito un'enorme quantità di risorse pubbliche per realizzare queste due importantissime opere viarie e non ottenere un risultato apprezzabile – si legge nella nota – La Valle Brembana ha necessitò di essere supportata con infrastrutture viarie all'altezza della situazione, sia a beneficio del tessuto economico che va tutelato per salvare i posti di lavoro, sia per una vivibilità migliore a beneficio dei tempi di spostamento dei pendolari ed anche per un ambiente più salubre, meno inquinato dai gas di scarico che tutti noi ogni giorno respiriamo. La valle si spopola e le ragioni sono evidenti”.

Il suggerimento del Comitato è quello di far fronte alla lievitazione dei costi (quasi 420 mila euro) per il progetto preliminare attraverso i fondi europei di cui Anas (o Regione Lombardia) potrebbero disporre e quindi utilizzare sul territorio.

Riteniamo sia questa una carta da giocare – conclude il Comitato – tutte le forze politiche del territorio, senza distinzioni di sorta, devono unirsi e fare quadrato, o come piace ora “fare squadra”. L'unione fa la forza e tutti insieme possiamo ottenere l'ambito risultato”.

Photo Credit: 3G Costruzioni Srl

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Maggio 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

      








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph