Zogno, la mozione della minoranza: ''apriamo un Centro Medico condiviso''

Eleonora Busi 27/07/2020 0 commenti

Una unica struttura sanitaria, dove gestire servizi infermieristici, diagnostici e dove possano essere erogati capillarmente servizi di assistenza sanitaria, di prevenzione, diagnostica e cura sul territorio zognese. Questo è il contenuto della mozione, indirizzata al sindaco di Zogno Selina Fedi e a tutta la Giunta comunale, avanzata da Carlo Ghisalberti in qualità di capogruppo della minoranza Cittadini Zogno.

Evidenziate le criticità emerse nel nostro Comune e legate all'assistenza sanitaria territoriale espresse da tutte le forze politiche consiliari nell'assemblea del 9 luglio – si legge nel testo della mozione Valutata che in tale contingenza, ci troveremmo nuovamente impreparati nel sostenere un possibile focolaio Sars-CoV-2, evidenziata come il problema sussiste tuttora e che oltre alla segnalazione agli organi competenti, vanno ricercate, quanto prima, possibili soluzioni”.

La mozione si focalizza su quelle che sarebbero le criticità individuate dal gruppo: fra queste, sono evidenziati gli ambulatori medici del territorio, che “presentano strutture non idonee alle persone diversamente abili o ad anziani con difficoltà motorie quali, ad esempio, servizi igienici inadeguati e barriere architettoniche che rendono l'accesso problematico o addirittura impossibile alle strutture”. La soluzione avanzata dal capogruppo andrebbe ricercata, quindi, in un'unica struttura, “logisticamente, economicamente e gestionalmente ottimale, anche per gli operatori sanitari, per offrire un migliore ed efficiente servizio sanitario all'intera cittadinanza”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

Tale struttura sarebbe da considerare come un centro di salute e di medicina generale, con servizi infermieristici e diagnostici di prevenzione sanitaria territoriale, che permette di “erogare continuativamente e capillarmente servizi di assistenza primaria, di prevenzione, di diagnostica, di cura sul territorio a favore di tutti i malati e a vantaggio delle aziende dell’area industriale zognese che impiegano circa 1.000 lavoratori”.

Giampaolo Pesenti, assessore del Comune di Zogno interrogato sulla questione, ha replicato: “Il gruppo consiliare della Lega si è già espresso in consiglio comunale lo scorso 9 luglio, dove è stata approvata una mozione relativa al potenziamento dei servizi sanitari, votata solo dal gruppo Lega”, aggiungendo: “Abbiamo già discusso l'argomento, mi sembra pertanto che altre mozioni siano tardive e con argomenti fuorvianti. Come già sostenuto, riteniamo che per migliorare i servizi esistenti non servano nuove strutture, ma sia necessario investire innanzitutto sulle persone (i medici territoriali), e potenziare i servizi erogati dalle strutture esistenti (i Poliambulatori), mettendo anche in rete le diverse organizzazioni del sistema sanitario”.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Agosto 2020

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

      






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph