Anas abbandona la Paladina-Sedrina, la Comunità Montana Val Brembana vuole un incontro

Eleonora Busi 06/05/2021 1 commenti

È di ieri la notizia che Anas – che dalla mezzanotte di lunedì 3 maggio ha accolto sotto la propria responsabilità anche la (ormai ex) provinciale 470 della Val Brembana – non erogherà i 3 milioni di euro mancanti (oltre ai 2,9 già previsti) per il completamento della progettazione definitiva del terzo lotto Paladina-Sedrina della Tangenziale Sud di Bergamo. Una doccia fredda per Provincia e Amministratori locali, che vedono in questo tratto stradale un'importante opportunità di sviluppo sia per la Valle Brembana che per la Valle Imagna.

La Comunità Montana Valle Brembana ha così deciso di intervenire, inviando una missiva indirizzata ad Anas Spa, al Presidente della Provincia di Bergamo Gianfranco Gafforelli e ai Parlamentari Bergamaschi: nella lettera il Presidente Jonathan Lobati chiede un riscontro urgente circa le tempistiche di completamento della progettazione – ormai in stallo da più di un anno – ed un incontro per comprendere meglio lo stato della programmazione di questo sfortunato intervento viario.

Con riferimento all’oggetto e alla Vostra nota inviata alla Provincia di Bergamo in data 26/04/2021, con la presente si chiede un riscontro urgente in merito alle tempistiche che Anas prevede per il completamento della progettazione definitiva, ed il cronoprogramma ipotizzato per il completo finanziamento dell’opera e la sua realizzazione – si legge nella lettera – A tal proposito, si chiede la disponibilità ad un incontro, anche in videoconferenza, per comprendere lo stato di programmazione di tale opera di rilevanza strategica per lo sviluppo socioeconomico dell’intera Valle Brembana”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

 

Quella del terzo lotto della Tangenziale Sud è una storia travagliata, lunga più di 15 anni: diversi sono stati, infatti, i rinvii, gli investimenti monetari ed i solleciti. Nel 2017, Regione Lombardia, Anas Spa e Provincia hanno ribadito che la realizzazione dell'opera è prioritaria, confermando l'impegno al finanziamento della progettazione definitiva, presentata il 12 febbraio 2020 dai tecnici della Pro Iter (società incaricata dalla Provincia).

Durante l'incontro i tecnici hanno stimato un primo progetto in via non ancora definitiva, dal costo di realizzazione pari a oltre 420 milioni di euro: una stima decisamente lievitata rispetto ai 90 milioni previsti inizialmente nel 2006, e che ha raddoppiato anche la cifra necessaria per completare lo studio definitivo, sommando ai 2,9 milioni di euro già previsti anche ulteriori 3 milioni che – per ora – mancano e che Anas pare non abbia intenzione di erogare.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Piero 06/05/2021

Ma nel frattempo, non sarebbe meglio rifare l'asfalto della SS 470 della Valle Brembana o meglio ormai catalogata come mulattiera EX SS in SP e SS. Ma qualcuno si rende conto di quanto è pericoloso percorrere in bici e in moto una strada degna "forse" dei paesi sotto sviluppati. 5 G = stradino. Grazie per averci reso ancora più poveri, perché il turismo si muove su strade vere, non sulle montagne russe e buche rattoppate alla belle meglio. Aspettiamo qualche incidente mortale ? Gallerie illuminate a giorno di notte e a notte di giorno. Vergognatevi chi di competenza.

Lascia un commento





Ottobre 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31









Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph