Carona, la casa della centrale sarà un hotel: al via i lavori. Il sogno di una famiglia svedese e una locandiera brembana

Leandro Rinaldi 13/02/2020 1 commenti

Un progetto diventato realtà, un sogno che inizia a prendere vita con un viaggio iniziato quasi per caso. Sono cominciati i lavori di ristrutturazione della vecchia casa dei dipendenti Enel situata a Carona. Lo stabile è stato dismesso quattro decenni fa ed ora è pronto ad una nuova vita. Un progetto che è sempre stato nel cuore di Loredana Salvetti, la titolare della Locanda dei Cantù - sempre a Carona - che gestirà anche la nuova struttura alberghiera.

“È sempre stato un mio sogno nel cassetto, poter recuperare e valorizzare un edificio così bello e storico - racconta  - poi tre anni fa abbiamo ospitato una famiglia di svedesi con il padre imprenditore-ingegnere. Io ho consigliato loro di visitare, tra le altre, anche San Pellegrino Terme e quando sono tornati mi hanno chiesto perché il Grand Hotel, una struttura tanto importante, fosse dismessa”. Ed è in quel momento che scatta la scintilla: “Io ho parlato loro, quasi per caso, facendo una battuta, della casa della centrale, e poi ci siamo andati insieme: dopo dieci minuti di sopralluogo hanno deciso di acquistarla per darle nuova linfa”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

"Sono passati tre anni da quell'episodio - prosegue Salvetti - e oggi il cantiere è ufficialmente aperto. Contiamo di ripartire entro un anno. L’edificio risale agli anni ’30 e meritava di essere recuperato. Il nostro obiettivo è dare valore alle nostre zone, ma non solo. Vogliamo far conoscere tutta la nostra valle, e con l’aeroporto vicino il sogno è di ridare vita alle nostre valli, in sinergia con tutti”.

Un lavoro non semplice, anche perché, sottolinea Loredana, “Per noi il turismo è un ambito un po’ nuovo, abbiamo sempre vissuto di altro, ora però è il momento giusto per iniziare a lavorare in questo settore". Il futuro hotel si chiamerà “Villa Hotel Carona” e prevederà 80 posti letto. Tra le particolarità, “ci sarà un’area benessere, non fuori luogo e scollegata al contesto ma ben integrata con il territorio, per fare entrare in contatto chi soggiornerà da noi. Abbiamo davvero tanto a livello naturalistico, vorremo che questo aiuti gli ospiti ad abbandonare la loro vita frenetica, concedendosi una vacanza più rilassata”.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Gianfranco 14/02/2020

Abbiamo tanto bisogno di poter offrire strutture valide e ben gestite, le nostre valli devono fare un salto di qualità per intercettare un turismo moderno

Lascia un commento





Agosto 2020

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

      






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph