Coronavirus, l'assessore di Carona: ''avevo poche possibilità di farcela''. Ora scrive a Mattarella

Eleonora Busi 15/04/2020 0 commenti

Sono entrato in Pronto Soccorso con pochissime possibilità di farcela”: è la storia di Angelo Bagini, 54 anni, assessore degli impianti da sci a Carona. Un calvario iniziato il 10 marzo, quando la febbre troppo alta lo ha fatto svenire nel suo appartamento, a Villa d'Almè. Qualche costola fratturata, ma in ospedale è stato visitato e rimandato a casa. I tre giorni successivi i sintomi sono peggiorati e le fratture gli hanno bucato i polmoni: quando l'ambulanza che lo ha portato a Ponte San Pietro è arrivata, la sua saturazione era a 68. E ora che la battaglia al coronavirus è stata quasi sconfitta, Bagini ha scritto una lettera indirizzata al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

In Pronto Soccorso era una barella dietro l'altra – ha raccontato Bagini, intervistato dal CorriereSe allargavi le braccia, rischiavi di toccarti con i vicini”. Bagini, nel suo ruolo di assessore, è stato fondamentale nella ripartenza della stagione sciistica di Carona, che agli inizi dell'inverno era stata messa a dura prova. “Agli impianti ci ho pensato sempre – ha affermato – I primi messaggi sono stati per chi ha permesso la riapertura e ha lavorato con grande dedizione”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

L'assessore ha deciso di scrivere una lettera al Capo dello Stato, che contiene l'elogio a medici ed infermieri. “Non voglio chiamarli eroi, perché loro ci sono sempre, non solo nell'emergenza – ha sottolineato Bagini – Ho evidenziato come il contratto degli operatori sanitari del settore privato sia fermo al 2007. Mi chiedo come sia possibile”.

Inquadrato dalla webcam, ha raccontato di Chiara, che portava biscotti e caramelle acquistati da lei, e di Salvatore, l'infermiere che gli è stato accanto durante la prima notte. “Ora è stato trasferito a Lecco, ma ci telefoniamo. Vuole esserci quando sarà dimesso”. Ma è una la frase, sentita in sala operatoria, che gli è rimasta impressa. “L’ultima volta che mi hanno bucato il torace, un medico ha detto: io questo lo voglio tirare fuori. Voleva salvarmi a tutti i costi. Mi ha dato forza”.

Seguici su tutti i nostri canali social

(Fonte e fonte immagine in evidenza: Il Corriere)

COMMENTI

Lascia un commento





Agosto 2020

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

      






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph