Fiamme divampano al passo San Marco: la mano di un piromane dietro l'incendio?

Eleonora Busi 23/11/2020 0 commenti

Le prime fiamme sono state avvistate alle 17:30, ma per spegnerlo completamente ci sono volute circa sei ore. È l'incendio che nella serata di ieri, domenica 22 novembre, è divampato nei pascoli del passo San Marco, al confine fra Valle Brembana e Valtellina, dove un fronte ampio circa un chilometro e lungo 500 metri ha divorato 50 ettari di erba ormai secca a causa della siccità che si protrae da settimane. La casa è ancora ignota: si pensa alla mano di un qualche piromane, oppure l'imprudenza di un passante che ha gettato un mozzicone di sigaretta.

A dare l'allarme i rifugisti del posto, la Cantoniera di San Marco e il San Marco 2000, raggiungibili nonostante il passo sia chiuso al transito. Allertati dalla centrale operativa dei Carabinieri forestali di Curno, sul posto i volontari del Nucleo antincendio boschivo e protezione civile della Comunità montana Valle Brembana, coordinati da Roberto Fiorona. I nove uomini, con l'ausilio di due mezzi arrivati da Averara e San Giovanni Bianco, sono riusciti a domare l'incendio in circa sei ore, dopo che il fronte si è esteso per un chilometro scendendo poi per 500 metri sul territorio di Averara e in parte di Mezzoldo.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

Sul posto anche il sindaco di Averara, Mauro Egman, il sindaco di Mezzoldo Stefania Siviero ed il suo vice, Domenico Rossi. “L'incendio è stato molto vasto – ha commentato il sindaco di Averara Egman a L'Eco di Bergamo – con un fronte di circa un chilometro, per 500 metri. Grazie ai volontari, comunque, si è riusciti a contenerlo”. “L'intervento è stato particolarmente difficoltoso – ha aggiunto Roberto Fiorona – perché, al di là del buio, la zona è particolarmente impervia e ripida”. Intanto oggi l'area verrà tenuta sotto controllo per scongiurare il divampare di ulteriori focolai.

Avvertiti dell'accaduto anche carabinieri e Provincia, poiché lungo la strada provinciale che sale al passo San Marco sono caduti – a causa del rogo – sassi e terra sulla carreggiata e non è escluso che ulteriori possano staccarsi. Il passo era già, comunque, interdetto al transito in vista della stagione invernale. “L'area del passo San Marco – ha concluso il responsabile dell'Antincendio boschivo Valle Brembana Fiorona – in passato non era mai stata interessata da incendi di questa ampiezza”.

Seguici su tutti i nostri canali social

(Immagine in evidenza di Edi Violati via Facebook)

COMMENTI

Lascia un commento





Aprile 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

  






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph