Una raccolta fondi per restaurare gli affreschi del Porto di Clanezzo: ''aiutateci a salvarli''

Eleonora Busi 01/07/2020 0 commenti

Una piccola casa arroccata sul Brembo, una volta dimora di un umile barcaiolo che, con il suo fidato mezzo, traghettava persone e merci da una sponda all'altra del fiume, un punto nevralgico per il commercio di Valle Brembana e Imagna. Ed entro la fine dell'anno, lo storico Porto di Clanezzo verrà recuperato e ristrutturato, grazie alla passione di Lorenzo Filippini, 30 anni ingegnere di Petosino, e Davide Baggi, 28enne perito elettronico di Ponteranica. Oltre a restituire una nuova vita all'edificio, i due giovani bergamaschi hanno anche un altro obiettivo in mente: restaurare i meravigliosi affreschi che si trovano sulla sua facciata. E per farlo hanno lanciato una raccolta fondi, con l'obiettivo di raccogliere 10 mila euro da destinare al loro recupero.

Il progetto è partito quattro anni fa, ma soltanto di recente i due giovani hanno deciso di svelarne i dettagli. Il cantiere, a cui sta lavorando la Emporio Ceramiche Group – l'impresa a cui sono stati appaltati i lavori – era partito a febbraio. Poi il Covid è arrivato e gli interventi sono stati posticipati a maggio. “Di fatto si tratta di un risanamento conservativo, perciò cerchiamo di mantenere sia internamente che esternamente ciò che si può – spiega Lorenzo – Daremo una ripulita e poi si procederà ad un consolidamento strutturale”.

Punto chiave sono gli affreschi che si trovano sulla facciata. “Al momento verranno consolidati e messi in sicurezza – spiega Lorenzo Filippini – Ma ci piacerebbe poterli restaurare completamente. Così abbiamo deciso di aprire la raccolta fondi con l'obiettivo di raccogliere 10 mila euro, necessari per l'opera combinata di consolidamento e restauro”. L'importo raccolto, ad oggi, è di poco più di 2.500 euro. “Per noi è un grande traguardo – afferma il giovane – Siamo rimasti sinceramente stupiti dalla risposta positiva che abbiamo ricevuto, sia da persone che hanno a cuore il borgo di Clanezzo, sia da chi lo ha conosciuto solo successivamente”.


(Gli affreschi da salvare)

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

Chi deciderà di destinare qualcosa per la causa, riceverà in cambio una visita guidata dell'intero borgo e la possibilità di entrare nel Porto una volta che l'edificio sarà rimesso in sicurezza e quindi agibile. “Alle persone che ci aiutano, in cambio doniamo un tour del borgo di Clanezzo raccontandone la storia e le curiosità. Oltre che un piccolo assaggio in anteprima del Porto ristrutturato, una volta che i lavori saranno ultimati: al suo interno ci sono tante sorprese, che a tempo debito sveleremo”. Non si lascia andare a spoiler Lorenzo, che però confessa: “Gli affreschi, che in realtà sono tinte, sono opere meravigliose dal punto di vista artistico, all'interno di un contesto paesaggistico spettacolare”.

Per donare c'è ancora tempo fino al 31 luglio: se entro quella data non verrà raggiunta la cifra necessaria, il giovane rassicura: “Qualunque sia, tutto quello raccolto verrà destinato al massimo che si potrà fare. E, in ogni caso, qualora non sia possibile restaurare in questo momento gli affreschi lo faremo il prima possibile”.

Ora che i riflettori sono puntati sullo storico borgo, l'auspicio è che l'intera area venga rivalutata. “Siamo sicuri che il risultato sarà ottimo e siamo fiduciosi che l'intera zona verrà valorizzata – conclude Lorenzo – La raccolta fondi termina a fine luglio, il mio augurio è che si possa arrivare vicini all'obiettivo finale. Finora moltissime persone ci hanno dato una grossa mano e siamo loro grati: insieme possiamo restaurare anche questi bellissimi affreschi, opere d'arte da salvaguardare assolutamente”. Per contribuire alla raccolta fondi e sostenere il progetto di restauro, è possibile collegarsi a questo link.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Agosto 2020

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

      






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph