Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Valle Brembana, una terra da scoprire: il nuovo libro è un viaggio ideale (contro stereotipi e luoghi comuni)

Il nuovo libro edito dal Centro Storico Culturale Valle Brembana Felice Riceputi è un ideale viaggio alla scoperta della Valle Brembana, tra storia, arte, cultura e natura.
18 Giugno 2021

È pronto il nuovo libro edito dal Centro Storico Culturale Valle Brembana "Felice Riceputi" "Valle Brembana, una terra da scoprire. Storia, arte e ambiente di una Valle singolare" (344 pagine, tutte a colori). Il libro, che si avvale del patrocinio e del contributo della Comunità Montana, sarà distribuito sabato 19 e domenica 20 giugno nella sede del Centro Storico Culturale – Villa Funicolare di San Pellegrino Terme.

L’iniziativa è finalizzata a illustrare la Valle Brembana e i suoi Comuni negli aspetti storici, artistici, culturali e ambientali. I testi generali e quelli relativi ai 37 Comuni della Valle sono redatti da una trentina di soci del Centro Storico esperti di storia e cultura locale. A ogni Comune sono dedicate diverse pagine e varie fotografie. 

"Questo libro è concepito come un ideale viaggio alla scoperta della Valle Brembana, iniziando dove il Brembo sbocca nella pianura, per risalire il territorio fino all’estremità settentrionale e alla catena delle Orobie - fanno sapere dall'associazione culturale -. Una corposa opera corale, scritta da una trentina di soci del Centro Storico Culturale Valle Brembana, ciascuno impegnato a descrivere le bellezze del proprio paese, partendo dalla constatazione che la conoscenza della nostra Valle permane superficiale e generica, non di rado basata sulla riproposizione di stereotipi, errori e luoghi comuni che continuano a circolare.

 

1419 banner adv trony - La Voce delle Valli

Ne è risultato - proseguono - un quadro dettagliato e attendibile della realtà dei vari paesi dal punto di vista artistico, architettonico e ambientale. Le nostre chiese, ad esempio, hanno saputo conservare straordinari capolavori di alcuni tra i più noti artisti del Rinascimento (Lotto, Palma il Vecchio, Carpaccio, Veronese, Lattanzio, Boldrini, Garofalo, Santacroce, Baschenis, Previtali, tanto per fare i nomi più significativi) e dei secoli successivi, che sarebbero il vanto dei migliori musei, ma che in Valle non sono conosciuti e valorizzati come meriterebbero. Lo stesso vale per i manufatti lignei, i cicli di affreschi, gli elementi architettonici, ma anche per gli itinerari storici e naturalistici, i percorsi escursionistici, che sono di una bellezza semplice e suggestiva, senza contare i prodotti tipici dell’artigianato e del lavoro contadino, le eccellenze casearie, gli strumenti delle attività tradizionali e la ricchezza del patrimonio immateriale".

Verrà poi presentato a Piazza Brembana il 22 luglio ore 15.30 ai Fondi, nell'ambito di "Pagine Verdi"; a Serina il 23 luglio ore 21 presso il chiostro della SS.ma Trinità; a San Giovanni Bianco il 29 luglio ore 20.45 presso Piazza Zignoni; a Cusio il 31 luglio ore 17.30 nell'ambito del Festival "Le Terre dei Baschenis".

Il libro sarà disponibile nelle principali edicole e cartolerie della Valle Brembana, nelle librerie di Bergamo e sul sito www.ellelibri.com

Ultime Notizie

Ospedale Papa Giovanni XXIII a Superquark con la terapia genica

E' andato in onda nella puntata speciale di sabato 13 agosto il servizio che la redazione di Superquark ha girato nelle scorse settimane all'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo con protagonista Gaia, la prima paziente al mondo curata con successo dalla sindrome di Crigler-Najjar.

X
X
linkcross