Via i new jersey di cemento a Strozza: saranno sostituiti con barriere meno impattanti

Eleonora Busi 24/12/2020 2 commenti

No al cemento in Valle Imagna, il paesaggio non ci guadagna”: sono passati ormai quasi due anni da quando questo “motto” riecheggiava del forte disappunto alzatosi fra i cittadini di Strozza e non solo. Il motivo? La posa di protezioni in cemento armato, liscio e bianco, lungo la strada provinciale 14 che conduce in Valle Imagna. 150 metri circa di new jersey, che proprio non sono andati giù a chi avrebbe preferito, invece, una soluzione altrettanto sicura ma esteticamente meno impattante.

Una serie di incontri fra Enti e Provincia più tardi, la quadra sembra essere stata definitivamente accordata: i new jersey in cemento di Strozza spariranno, per fare spazio ad una barriera in metallo. Una piccola, grande vittoria per il contesto naturalistico nel quale il tratto di strada è immerso, ma soprattutto per chi si è battuto fino ad oggi per eliminare ogni traccia di quel cemento additato dai residenti come “deturpante per l'ambiente verde”.

La sua posa era stata inizialmente concordata all'interno di una conferenza, a cui vi parteciparono i tecnici referenti di Provincia, Comune di Strozza e Comunità Montana, i tre enti impegnati nel più ampio intervento di sistemazione del Ponte di Ca' Cagnisio giunto ormai recentemente al termine dei lavori. Lo scopo dei new jersey era, principalmente, quello di proteggere il marciapiede anche in caso di un eventuale, forte impatto di veicoli o mezzi pesanti. Ipotesi non troppo remota, dal momento che la strada ha un limite orario di 70 km/h. Senza contare che lì si trova un importante innesto della ciclopedonale della Valle Imagna.

Vi era però un particolare non considerato dai tecnici: l'impatto visivo che 150 metri di barriere in cemento armato bianco avrebbero avuto sul paesaggio circostante, fiore all'occhiello della Valle Imagna, impedendo di fatto la vista dell'antico Ponte del Chitò e limitando quella del vicino Monte Ubione. Una soluzione alternativa era d'obbligo: fra i primi ad appoggiare la sollevazione popolare c'è Demis Todeschini, Consigliere provinciale, che si è battuto per contribuire a definire un piano altrettanto sicuro, ma meno impattante per lo scenario naturale.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

Mi sono attivato subito, ho parlato personalmente con il Presidente della Provincia e l'ho convinto che servisse mettere una pezza, a prescindere da chi fosse la colpa – spiega il consigliere Demis Todeschini. Non si tratta di fare una “caccia alle streghe”, tutt'altro: se c'è un problema, è giusto che venga risolto collaborando tutti insieme. Devo ringraziare il Presidente, che ha compreso subito la situazione e ha concordato sul fatto che non fosse possibile avere delle protezioni del genere in un territorio naturalistico come quello della Valle Imagna. La Provincia si è fatta perciò promotrice di una soluzione, invitando gli altri Enti, ovvero Comunità Montana e Comune di Strozza, a dividere la nuova spesa”.

Il costo dell'intervento è di 69 mila euro: della metà, 34,5 mila euro, si è fatta carico la Provincia, L'altra metà è stata suddivisa per 15 mila euro da parte della Comunità Montana Valle Imagna e 19,5 mila dal Comune di Strozza, comprensivi del contributo di 5mila euro finanziato dal BIM. “In attesa di trovare la quadra, stavo preparandomi ad organizzare azioni più lampanti, come una raccolta firme – prosegue Todeschini –. Ora finalmente è stato finalizzato un accordo politico definitivo e questo è l'aspetto positivo: i cittadini della Valle Imagna possono finalmente tirare un sospiro di sollievo. Nonostante le difficoltà, questo è stato un bell'esempio di come, quando la popolazione dà il proprio sentore, gli Enti si muovono e trovano la soluzione per risolvere le questioni”.

I lavori sono previsti per la fine di marzo 2021: a sostituzione dei new jersey in cemento armato verranno installate delle barriere di sicurezza H2 di tipo Bolzano, l'unica barriera in classe di contenimento H2 che presenta un nastro a doppia onda anziché tripla, della stessa tipologia di quella già installata sul lato di monte del Ponte Ca' Cagnisio. Al fine di minimizzare sensibilmente l'impatto ambientale, verrà montata senza il corrimano superiore.

È una situazione assolutamente insostenibile – sottolinea Riccardo Cornali, sindaco di Strozza – Chiunque salga in montagna e raggiunge Strozza, ora si trova di fronte una parete di cemento armato. Perciò abbiamo fatto qualche riunione anche con il Presidente della Provincia, che ringrazio per la disponibilità e per aver compreso il problema, per riuscire a trovare una soluzione adatta. Si è deciso quindi di sostituire i new jersey installando delle barriere metalliche, ripartendo le spese: come Comune di Strozza abbiamo ricevuto un contributo di 5mila euro da parte del BIM, che devo ringraziare per averci dato una mano”.

Abbiamo finalmente risolto un problema che andava sistemato, facendo un bene per la comunità e per la Valle Imagna – conclude il primo cittadino – Auspichiamo che, una volta installate le nuove barriere, la situazione sia migliorata dal punto di vista ambientale e si possa finalmente tornare a vedere lo storico Ponte del Chitò, ad oggi nascosto dal cemento. È una vittoria su più fronti, ne siamo tutti contenti e anche la popolazione si è rilassata dopo i malumori degli scorsi mesi. Ora sono in dirittura d'arrivo i lavori di ristrutturazione del Ponte di Ca' Cagnisio, l'intervento è riuscito ed è stato tutto messo in sicurezza: finalmente si vedono un po' di opere anche in Valle Imagna”.


(Scheda tecnica delle nuove barriere)

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

COMMENTI

Carlo 13/01/2021

L'idea è stata dei politici locali votati da noi!!!!!!, ora paghiamo ancora noi, state tranquilli......purtroppo come qui e a Roma e in tutta Italia abbiamo incompetenti che oltre a non vederci più in là del proprio naso non ci rimettono che di non essere più rivotati....

Giosuè 24/12/2020

Finalmente! Ma andrebbe spiegato hai cittadini chi ha avuto quell'idea... del yersej.. ma sopratutto è quale costo avrà quella scelta stupida!

Lascia un commento





Giugno 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
 

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

    








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph