Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Valsecca saluta Giovanni Todeschini, meccanico a Selino Basso sempre pronto a dare una mano

Valsecca e Selino Basso unite per dare l'ultimo saluto a Giovanni Todeschini, 71 anni, molto amato e conosciuto. Gestiva un'autofficina a Selino Basso, dove si trasferì a 21 anni.
18 Settembre 2020

Valsecca e Selino Basso unite per dare l'ultimo saluto a Giovanni Todeschini, 71 anni, molto amato e conosciuto soprattutto a Carevi, piccola contrada ai piedi del Resegone che gli diede i natali. Giovanni si trasferì a Selino Basso a soli 21 anni, dove costruì casa e vi portò anche i genitori Anna e Martino, quest'ultimo emigrante per molto tempo nella Svizzera italiana.

Giovanni aprì una grande e moderna autofficina: era sempre a disposizione di tutti, ad ogni ora del giorno e perfino nel cuore della notte, diventando così ben presto un punto di riferimento per quella Selino Basso destinata negli anni successivi ad aprirsi allo sviluppo.

Fiero alpino, incontrò Eva e la sposò. Dal loro amore nacquero tre figli, Michele, Nicola e Monica, e sei amati nipoti a cui ha trasmesso i valori della civiltà contadina, della famiglia, la solidarietà e la disponibilità a dare sempre una mano quando necessario.

Ma soprattutto insegnò ciò che lo ha sempre contraddistinto in vita: il profondo attaccamento alle proprie radici e al Comune di Valsecca, che nel 2014 si è fuso con Sant'Omobono Terme. A Valsecca, negli anni Settanta, entrò in Consiglio comunale per due legislature e al tempo stesso fu membro della Comunità Montana Valle Imagna.

Negli ultimi anni passò la conduzione della sua attività a Selino Basso al fratello Valerio e al figlio Michele, con il compito di portare avanti e far crescere quel seme che nel fiore dei suoi anni lui stesso piantò. I funerali di Giovanni Todeschini si sono svolti nella chiesa parrocchiale di San Marco a Valsecca. In molti hanno preso parte alle celebrazioni, testimonianza dell'amicizia, del rispetto e della benevolenza che molti concittadini nutrono nei suoi confronti.

(Fonte immagine in evidenza: Bergamonews)

Ultime Notizie

Ospedale Papa Giovanni XXIII a Superquark con la terapia genica

E' andato in onda nella puntata speciale di sabato 13 agosto il servizio che la redazione di Superquark ha girato nelle scorse settimane all'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo con protagonista Gaia, la prima paziente al mondo curata con successo dalla sindrome di Crigler-Najjar.

X
X
linkcross