Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Zogno: benemerenza ai medici (in pensione) e alla Protezione civile locale, in prima linea contro il Covid

Il Comune di Zogno ha consegnato le benemerenze civiche "Bortolo Belotti" al gruppo volontari del Nucleo di Protezione civile zognese e a due medici in pensione che stanno comunque fornendo assistenza.
13 Marzo 2021

Anche quest'anno l’Amministrazione comunale di Zogno ha consegnato una targa raffigurante il suo più illustre cittadino, Bortolo Belotti, come segno di riconoscenza e benemerenza a cittadini o enti che nella loro attività protratta per decenni si sono impegnati a vario titolo a supporto della comunità zognese.

In un anno particolare come il 2020 le benemerenze sono state consegnate al gruppo di volontari del Nucleo di Protezione civile zognese i cui uomini sono sempre pronti, da anni, a supportare le tante iniziative poste in atto dall’ente pubblico anche di carattere sociosanitario, come è stato nei mesi scorsi.

Il riconoscimento è andato anche a due medici che, lasciata la professione per raggiunti limiti di età, stanno comunque operando generosamente nel drammatico momento che da un anno sta vivendo il nostro Paese. "Molti cittadini, in particolare anziani – spiega l’assessore alla Cultura Barbara Carminati –  devono alla loro assistenza il superamento della malattia che ha travagliato anche la nostra comunità".

I due medici sono la dottoressa Maria Grazia Donadoni ed il dottor Aldo Carrara, il riconoscimento alla Protezione civile è stato consegnato a Emiliano Paninforni, comandante della Polizia locale e responsabile appunto del Nucleo di protezione civile.

"Durante la serata del 26 febbraio 2021, l'Amministrazione Comunale ha voluto consegnare queste benemerenze - osserva l'assessore Carminati – per due motivazioni: dire grazie a chi ha lavorato con impegno, andato ben oltre il dovere professionale permeandolo di profonda umanità, e poi perché sono stati di esempio per coloro che ne stanno seguendo le loro orme".

La serata è stata inoltre motivo per invitare tutti i ragazzi che nel 2020 hanno raggiunto i loro 18 anni, ai quali l'Amministrazione ha regalato la Costituzione della Repubblica Italiana, augurando ad ognuno di loro una vita ricca di esperienze ed opportunità di crescita per il loro futuro.

I 18enni di Zogno premiati

Ultime Notizie

X
X
linkcross