Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Aveva chiuso a causa del Covid, ora il 31enne Marco riapre la sua palestra a Piazza Brembana

Marco Angeloni, 31 enne di Piazza Brembana, ha riaperto la sua palestra “2 Livelli” inaugurata nel 2017 (una delle prime in alta Valle) e chiusa lo scorso giugno a causa delle conseguenze di continui lockdown e chiusure.
29 Dicembre 2021

“Mola mia”: un detto, tutto bergamasco, diventato simbolo della resistenza bergamasca ad una pandemia che l'ha messa in ginocchio. Forse è proprio questo stesso spirito di rivincita che ha guidato Marco Angeloni, 31 enne di Piazza Brembana, nel riaprire la sua palestra “2 Livelli” inaugurata nel 2017 (una delle prime in alta Valle) e chiusa lo scorso giugno a causa delle conseguenze di continui lockdown e chiusure.

Stesso nome, sede diversa: non più in via Belotti ma in via Roma, nuovo punto d'inizio di un giovane che ha voluto credere ancora una volta nel territorio nonostante il percorso piuttosto tormentato che ha dovuto affrontare da quel terribile marzo 2020. “Quando a novembre 2020 è stato imposto un altro lockdown – ha commentato il giovane, intervistato da L'Eco di Bergamo – mi sono trovato nelle condizioni di lasciare la precedente sede, ma mi sono adoperato in tutti i modi per preparare la riapertura: non ho mai mollato”.

Proprio lui nel 2017 fu uno dei primi ad accorgersi che in alta Valle Brembana mancava un'attività del genere, scegliendo di investire nel territorio. Un impegno che è stato ben ricompensato dai suoi affezionati clienti (più qualche turista), che anche dopo la prima chiusura non lo hanno abbandonato e hanno deciso di affiancarlo anche in questa nuova avventura.

La “nuova” 2 Livelli sarà forse un poco più piccina della precedente, ma resta un angolo di fitness fornito di ogni attrezzo. Dai manubri alla panca piana, fino alle macchine e allo spazio per gli esercizi a corpo libero, disponibili sia per l'allenamento in autonomia che per le sessioni di personal training. “In palestra sono solo io – conclude Marco – Dipendenti? Un sogno, per ora”.

Fonte: L'Eco di Bergamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

X
X
linkcross