Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Come una finale, un'Atalanta da Champions batte la Juventus

L'ennesima pagina di storia, la conferma di un grande gruppo e di una miscela incredibile di carattere, tattica e tecnica.
18 Aprile 2021

L'ennesima pagina di storia, la conferma di un grande gruppo e di una miscela incredibile di carattere, tattica e tecnica.  L'Atalanta batte la Juventus 1-0 e si issa sul podio del campionato, superando proprio i bianconeri di Pirlo. La novità principale per Gasperini (oltre all'assenza dello squalificato Romero) è il ritorno alla difesa a tre, che schiera Toloi, Palomino, Djimsiiti e mette Mahele e Gosens sugli esterni.

Confermatissimi Freuler e De Roon quali architetti di centrocampo e attacco colombiano con Muriel e Zapata sostenuti da Pessina. La partita è da subito intensa, con numerosi duelli a metà campo e tanta attenzione tattica. Le occasioni non sono molte e nemmeno importanti, ma l'impressione è che il minimo errore possa essere letale. L'Atalanta ha il suo bonus con Pessina che al 23' è libero davanti al portiere juventina, ma ritarda il tiro di quel tanto che consente a de Ligt la deviazione disperata in angolo. 

Dieci minuti dopo è Maehle che cincischia davanti a Gollini e perde palla con Chiesa, pronto a servire Morata. Lo spagnolo prova a piazzarla di giustezza ma Djimsiiti evita il peggio. La ripresa prosegue sulla stessa falsariga, anche se l'Atalanta è più profonda nei propri attacchi. L'occasionissima arrjva appena dopo l'ingresso di Ilicic al posto di Muriel: cross perfetto dello sloveno e colpo di testa di Zapata che grazua Szecezny di pochissimo.

Gasperini, forte di una retroguardia in cui giganteggia Palomino, osa ulteriormente inserendo Malinowskji ed allargando Ilicic in fascia al posto di Mahele. Gli uomini di Pirlo sono sulle gambe, Kulusevski entra ma si conferma un ottimo affare per i neroazzurri. Ecco allora una punizione dal limite di Ruslan che Szcezny devia in corner a due mani.

Sul corner Malinovskyi ci riprova dal limite e complice una deviazione di Alex Sandro infilza la Juve: dopo 20 anni è di nuovo vittoria e, soprattutto, è sorpasso. La volata Champions è ancora tutta da scrivere e in Coppa Italia ci sarà la rivincita. Che campionato, che stagione! Tenetevi forte!

Photo Credit: Alberto Mariani

Ultime Notizie

X
X
linkcross