Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Corna Imagna, rinasce la chiesetta di Cà Berizzi: sabato inaugurazione

Dopo il ripristino della BibliOsteria e della Casa dei Semi, il progetto di valorizzazione delle Contrade attuato dall'Amministrazione di Corna Imagna non finisce qui: la rivedere la luce è stata la chiesetta di San Giovanni Battista.
23 Agosto 2019

Dopo Canito, Regorda e "la Corna", il progetto di valorizzazione delle Contrade attuato dall'Amministrazione di Corna Imagna non finisce qui: a rivedere la luce è la chiesetta di San Giovanni Battista nel complesso monumentale di Cà Berizzi a Regorda, uno storico edificio risalente agli anni '20 del secolo scorso, completamente ristrutturata e sistemata, pronta per l'inaugurazione di sabato 24 agosto alle 17. Saranno presenti all'evento anche il presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli, il presidente della Comunità Montana Valle Imagna Roberto Facchinetti e il restauratore Carlo Novali, con la benedizione di don Paolo Riva, parroco di Corna Imagna, il tutto seguito da un rinfresco alla contrada di Regorda.

Siamo riusciti a recuperare completamente la chiesetta. Un intervento davvero significativo per il complesso Cà Berizzi ma anche per tutta la contrada di Regorda che con la cappella potrà trovare un nuovo elemento di aggregazione. Interessante anche in chiave turistica” spiega il primo cittadino Giacomo Invernizzi. L'operazione è costata in totale 25 mila euro, ottenuti sia tramite un bando di Regione Lombardia, che da contributi stanziati dalla Provincia di Bergamo, Fondazione Banca Popolare di Bergamo e dalla Famiglia Berizzi, in passato proprietaria della chiesetta.

Il recupero, inoltre, ha riguardato anche altri elementi legati alla struttura, come ad esempio il rifacimento del pavimento interno a cui è stato aggiunto un vespaio, l'installazione di un nuovo impianto elettrico e la sistemazione del sagrato esterno alla chiesa. Anche lo storico arredo ha "ritrovato casa", fra cui i banchi dei fedeli, una Via Crucis realizzata in gesso e i parimenti del sacerdote, questi ultimi riconsegnati dalla Famiglia Berizzi. Una piccola statua lignea settecentesca di Gesù Bambino, invece, verrà recuperata grazie ad un contributo economico dagli abitanti della Contrada di Regorda dopo essere stata conservata in Municipio per diversi anni.

La chiesetta di Cà Berizzi è costituita da un'aula a pianta rettangolare con soffitto in arelle intonacate e decorato con i simboli della Chiesa e dell'Eucaristia – spiega il restauratore Carlo Novali Le pareti riportano riquadrature e lesene con finti marmi e sostenute da una zoccolatura a finto granito. L'altare, ben costruito è in graniglia rosata con varie modanature. L'intervento è stato di tipo conservativo con puliture a secco delle decorazioni a tempera e delle tinte. Stuccatura delle crepe dell'intonaco pittorico. Ritocco delle decorazioni, ripresa delle colorazioni a calce. Pulitura dell'altare e lucidatura con cera”.

Ultime Notizie

X
X
linkcross