Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Costa del Palio, Azzaredo e Foppabona: la Regione cederà le tre malghe agli Enti locali

La Giunta regionale ha approvato, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, i criteri e le modalità di attuazione del trasferimento di malghe e alpeggi regionali al patrimonio degli enti locali.
7 Gennaio 2021

La Giunta regionale ha approvato, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, i criteri e le modalità di attuazione del trasferimento di malghe e alpeggi regionali al patrimonio degli enti locali. Nelle nostre valli sono interessati dal provvedimento le malghe e gli alpeggi di Azzaredo a Mezzoldo; Costa del Palio a Morterone e Brumano Lc/Bg; Foppabona a Introbio e Valtorta Lc/Bg.

“Una svolta federalista – ha sottolineato Rolfi – per coinvolgere quindi enti locali e comunità montane nella gestione di queste strutture. Si potranno, infatti, valorizzarle ulteriormente in ottica di sviluppo di tutta l’agricoltura di montagna”.

“Il trasferimento di competenze – ha aggiunto l’assessore – avverrà infatti in base a progetti di valorizzazione dei beni. Secondo infatti criteri di territorialità, sussidiarietà e adeguatezza. Nonchè di capacità finanziaria. Un provvedimento infatti concordato al Tavolo regionale dedicato al comparto”. “Proseguiamo quindi – ha confermato il responsabile dell’agricoltura lombarda – il percorso intrapreso due anni fa per assegnare le malghe alla gente di montagna. Favorendo quindi l’aspetto territoriale e locale dei progetti”.

L’ente locale, a seguito del trasferimento, disporrà quindi del bene nell’interesse della collettività. E sarà quindi tenuto a favorirne la massima valorizzazione funzionale.

Il trasferimento è subordinato alla verifica ed alla valutazione di un progetto di valorizzazione. La concessione sarà quinquennale e comporta per il concessionario l’obbligo di mantenere la destinazione d’uso e di attuare il progetto di valorizzazione proposto. Infatti, in caso di esito positivo della valutazione, Regione Lombardia potrà quindi trasferire il bene a titolo gratuito al patrimonio indisponibile dell’ente locale.

“Vogliamo legare di più la gestione di questi beni ambientali, culturali ed economici agli agricoltori, – ha commentato Rolfi – responsabilizzando e valorizzando le comunità locali.Si tratta infatti – ha aggiunto – di presìdi che sorgono in luoghi difficili da raggiungere. Se ben gestiti, possono valorizzare il lavoro degli agricoltori”.

“Più concretamente – ha precisato l’assessore regionale – penso infatti alla promozione della multifunzionalità e alla vendita diretta in malga. Nonchè anche al collegamento con i percorsi ciclo-turistici. Penso, altresì – ha concluso – alla promozione del turismo eno-gastronomico. Questo grazie infatti ai prodotti lattiero-caseari. Di cui molti sono Dop”.

Ultime Notizie

X
X
linkcross