Multato l'asinello di Santa Lucia? Succede (quasi) a Bergamo: l'animale non era a norma

Eleonora Busi 12/12/2019 1 commenti

Santa Lucia fa rima con burocrazia? A Bergamo anche letteralmente. Era domenica 8 dicembre quando un giovane allevatore portava per le vie di Bergamo il proprio asinello di Santa Lucia, insieme al tradizionale carretto. A fermarlo l'avvocato Paola Brambilla, garante per la tutela degli animali del Comune di Bergamo: secondo la normativa, infatti, oltre a dover avere il permesso per camminare su strada, chi lo porta deve assicurarsi una serie di accortezze fondamentali, come disporre di cibo e acqua e organizzare pause antistress. L'allevatore potrebbe dunque ricevere una multa, poiché considerato “non a norma”.

L’intervento è a dir poco discutibile – ha sottolineato Maurizio Cortinovis, presidente dell’associazione Roccolo degli Asini, a BergamoPostpoiché esaspera tecnicismi burocratici a discapito di buonsenso e competenza. Svolgiamo da anni attività legate al sociale ed alla didattica, l’utilizzo dei nostri asini è riconosciuto a scopo terapeutico. Siamo i primi a volere il bene dei nostri asini, che nemmeno vengono destinati alla produzione macellabile, ma diventano fidatissimi compagni di attività”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

La vicenda ha avuto delle conseguenze. In primis la multa, che pare ammonterebbe a 500 euro. Poi anche sul fronte eventi: proprio questo pomeriggio, 12 dicembre, l'allevatore avrebbe dovuto presentarsi presso la Provincia ad un evento già organizzato, insieme all'asinello Rosita, ma ha invece ricevuto una diffida.

Il presidente Cortinovis ha perciò scritto a sindaco, assessore Zenoni e garante, per spiegare come “Non serve la lettera all’ufficio ecologia, perché siamo i primi a portarci al seguito paletta e secchiello e, senza dover ottemperare ad alcun regolamento, sappiamo bene come nutrire e dissetare i nostri animali”.

Seguici su tutti i nostri canali social

TAGS :



COMMENTI

paolo 14/12/2019

la provincia di bergamo avrebbe delle enormi potenzialita' soffocate da degli incompetenti , scarti del sistema produttivo, piazzati in enti inutilli a fare danni , questo è un esempio banale e grottesco, applicate la stessa mentalita' al sistema produttivo (e lo fanno oh se lo fanno ) e otterrete le spiegazioni sul perche' a bergamo siete involuti.

Lascia un commento





Agosto 2020

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

      






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph