Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Due alpinisti bergamaschi perdono la vita sulle vette tra Italia e Svizzera

Due alpinisti bergamaschi hanno perso la vita durante un’ascensione
14 Settembre 2021

Due alpinisti bergamaschi, uno di 25 anni, residente a Bergamo, e l’altro di 48 anni, di Treviglio, hanno perso la vita durante un’ascensione: erano partiti sabato dal rifugio Sasc Furà, in Svizzera, per raggiungere la parete Nord-Est del Pizzo Badile, in direzione della via Cassin, con l’intenzione di arrivare al rifugio Gianetti, in Valmasino (SO), dove però non sono mai arrivati.

 

Dopo la segnalazione del mancato rientro sono partite le ricerche, sia sul versante italiano, sia su quello elvetico; impegnati i tecnici della VII Delegazione Valtellina - Valchiavenna del Soccorso alpino, Stazione di Valmasino, il Sagf - Soccorso alpino Guardia di finanza, l’elisoccorso di Areu - Agenzia regionale emergenza urgenza di Caiolo (SO), in collaborazione con la polizia cantonale elvetica e la REGA - Guardia aerea svizzera di soccorso.

Durante la ricognizione sono state individuate alcune tracce sul versante svizzero, nei pressi di un crepaccio ai piedi della parete. Il recupero dei due alpinisti è stato effettuato dalla REGA.

Photo Credit: Rupertsciamenna via Wikimedia con licenza CC BY-SA 3.0

 

Articoli Correlati

Papa Giovanni XXIII, chirurgia robotica estesa al trattamento del tumore del colon

Ultimato l’addestramento dei chirurghi, il robot dell’Ospedale di Bergamo è ora utilizzato per la rimozione del tumore del colon. Con l’introduzione della Chirurgia 1 addominale-toracica come terza Unità operativa coinvolta dopo la Urologia e la Ginecologia, il Papa Giovanni anticipa le direttive di Regione Lombardia che chiede agli ospedali dotati di robot di estenderne l’utilizzo a partire dal 2022.

X
X
linkcross