Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Funicolare San Pellegrino, collaudi da rifare: inaugurazione in primavera

Pronta da più di due anni, la funicolare di San Pellegrino dovrà attendere nuovamente prima di poter (ri)partire. Sarà necessario rifare i collaudi (nel frattempo scaduti), poi le carrozze potranno partire in primavera.
14 Dicembre 2021

La funicolare di San Pellegrino - pronta da più di due anni, ma la cui inaugurazione è stata rallentata dalla burocrazia - dovrà attendere la prossima primavera prima di poter (ri)partire.

A procrastinare nuovamente l'apertura i collaudi: effettuati un anno fa, sono ormai scaduti e nei giorni scorsi sono stati già ripetuti quelli interni ad opera della società Leitner di Bolzano, che si è occupata della riqualificazione dell'impianto (costato circa 5 milioni di euro e finanziato da Regione Lombardia).

Nei prossimi giorni verranno effettuati i collaudi ministeriali. Poi la funicolare potrà riaprire al pubblico? Non ancora, Amministrazione comunale e gestore (la Sacif di Marco Calvetti di Piazzatorre - che gestisce anche delle seggiovie a Foppolo) sono concordi nell'attendere la primavera, in quanto un'apertura ora potrebbe rivelarsi controproducente per via della situazione sanitaria e del periodo di festività.

"La soluzione migliore - spiega a L'Eco di Bergamo Vittorio Milesi, vicesindaco di San Pellegrino Terme - è attendere la prossima primavera, quando anche le condizioni climatiche saranno più favorevoli".

A 31 anni dall'ultima corsa, la rinnovata funicolare che da viale della Vittoria porta in località Vetta vanta carrozze e rotaie nuove di zecca che corrono lungo un unico binario, raddoppiando a metà della salita, videosorvegliato e illuminato. Salita non indifferente, dal momento che il percorso si articola su poco più di 700 metri, con un dislivello di quasi 300 metri e un tempo di salita stimato a 210 secondi – poco più di tre minuti e mezzo – mentre la portata massima oraria è di 315 persone a carrozza.

E la Vetta? I lavori sono conclusi, ma il Comune è alla ricerca di un partner privato che possa contribuire alla valorizzazione della località, magari accedendo a fondi pubblici. Il Comune ha pubblicato nei giorni scorsi un avviso di manifestazione di interesse, che ha visto la risposta di quattro operatori privati.
Fonte: L'Eco di Bergamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

X
X
linkcross