Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Gelate di aprile: in Bergamasca danni per 1 milione di euro alle produzioni apistiche

In Bergamasca sono stati segnalati danni pari ad un milione di euro per le produzioni apistiche e 156 mila euro per le produzioni vegetali.
4 Giugno 2021

Con il decreto Sostegni bis, il Governo ha stanziato 105 milioni di euro a livello nazionale per l’incremento del Fondo di solidarietà nazionale volto a dare ristoro ai danni a produzioni, strutture e impianti produttivi delle aziende colpite dalle gelate e brinate dell’aprile 2021. In Bergamasca sono stati segnalati danni pari ad un milione di euro per le produzioni apistiche e 156 mila euro per le produzioni vegetali.

“Un’ottima notizia” ha dichiarato Fabio Rolfi, assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi. “Viene riconosciuta – ha aggiunto – l’eccezionalità degli eventi di aprile che hanno colpito pesantemente anche la nostra regione. Ora l’auspicio è che in sede di conversione del decreto il fondo venga aumentato. Perché rischia di non essere sufficiente”.

La stima dei danni in Lombardia

“La stima dei danni in Lombardia – ha ricordato l’assessore – è infatti di 24 milioni di euro. Ovvero di 18 milioni per le produzioni vegetali e 6 milioni per le produzioni apistiche. La Regione avvierà puntualmente tutte le procedure. Confidiamo in ristori rapidi. Ciò al fine di dare agli agricoltori quanto spetta”.

“I cambiamenti climatici – ha concluso l’assessore Rolfi – sono infatti un fattore pesante con cui l’intero comparto agricolo dovrà fare sempre più i conti. Nel presente e nel futuro. La Regione Lombardia aveva infatti chiesto al Governo una deroga per le gelate di aprile. Quelle che avevano distrutto infatti coltivazioni assicurabili in forma agevolata. Gli agricoltori meritano quindi interventi economici concreti per i danni subiti”.

 

1559 banner adv trony 700x250 27 maggio 16 giugno - La Voce delle Valli

Stime danni a produzioni vegetali

  • Bergamo: 9 segnalazioni, 156.104 euro di danni a vite, frutticole;
  • Brescia: 41 segnalazioni, 3.116.746 euro di danni a vite, olivo, mais, drupacee, pomacee, kaki;
  • Cremona: 14 segnalazioni, 534.000 euro di danni a pero, melo, ciliegie, actinidia, albicocche, fruttiferi vari, meloni, cocomeri;
  • Mantova: 335 segnalazioni, 13.000.000 euro di danni ad actinidia, pesco, pere, mele e barbatelle di vite;
  • Pavia: 45 segnalazioni, 1.200.000 euro di danni a frutticole, vite;
  • Sondrio: 264 segnalazioni, 8.000.000 euro di danni a frutticole (mele, vite, piccoli frutti, actinidia dal 70 al 100%).

 

Stima danni a produzioni apistiche

  • Bergamo: 1 collettiva (apicoltori multipli), 1.000.000 euro;
  • Brescia: 8 segnalazioni, 150.000 euro;
  • Como: 1 collettiva, 380.000 euro
  • Cremona: 20 segnalazioni, 200.000 euro;
  • Lecco: 61 segnalazioni, 1.250.000 euro;
  • Lodi: 5 segnalazioni, 120.000 euro;
  • Milano: 42 segnalazioni, 700.000 euro;
  • Monza e Brianza: 27 segnalazioni, 250.000 euro;
  • Pavia: 88 segnalazioni, 1.800.000 euro;
  • Sondrio: 8 segnalazioni, 200.000 euro;
  • Varese: 1 collettiva, 800.000 euro.

#banner4

Ultime Notizie

X
X
linkcross