Coronavirus, il decreto del governo: ecco le misure, Italia divisa in tre zone

Redazione 02/03/2020 0 commenti

L'Italia divisa in tre dal coronavirus. Il Consiglio dei ministri ha preso ieri sera, 1 marzo, diverse decisioni per contenere il contagio e che saranno valide fino all'8 marzo, compreso. La nostra penisola è stata suddivisa in tre zone, a seconda dell'entità della diffusione del virus:  zona rossa (in Lombardia i comuni di Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D'Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini; in Veneto il comune di Vò); zona gialla (L'Emilia Romagna, la Lombardia, il Veneto, le province di Pesaro e Urbino, Savona), e poi ci sono nuove misure per tutto il territorio nazionale.

ZONA ROSSA

Nella zona rossa, confermati il divieto di ingresso e di uscita dal territorio comunale e la sospensione di ogni attività aperta al pubblico, oltre alla chiusura delle scuole e alla sospensione delle gite. Ancora, resterà la chiusura dei musei e degli altri istituti culturali, così come la sospensione delle procedure concorsuali e dell'attività dei pubblici uffici, fatta eccezione per chi fornisce servizi essenziali. Poi, la chiusura di tutte le attività commerciali, sempre escluse quelle di pubblica utilità, e la sospensione dei servizi di trasporto.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

ZONA GIALLA

Zona gialla che comprende province di Bergamo, Lodi, Piacenza, Cremona, Pesaro, Urbino, Savona e, per alcune misure, le intere regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto.

In questi territori viene confermata la sospensione, a partire dal 2 marzo, degli eventi sportivi, comprese le trasferte dei tifosi, consentendo però lo svolgimento delle competizioni a porte chiuse. Decisione che rimane subordinata al coordinamento tra i rappresentanti di Lega, Coni e ministero dello Sport. Le scuole di ogni ordine e grado, anche nella zona gialla, resteranno chiuse e i concorsi pubblici sospesi. Posticipato, quindi, il rientro nelle classi inizialmente previsto mercoledì.

Verrà limitato l'accesso dei visitatori alle strutture ospedaliere e di degenza. E per far fronte all’emergenza, verranno sospesi i congedi ordinari del personale sanitario e tecnico per un’altra settimana. Sospese anche le manifestazioni di carattere culturale, nelle quali rientrano  i cinema, i teatri, le discoteche, i concerti, e quelle di carattere religioso, come le processioni. Ci saranno limitazioni anche per l'apertura dei luoghi di culto, che sarà condizionata all'adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone. I musei potranno invece restare aperti, ma a condizione che assicurino un ingresso dei visitatori “razionato”, in modo da evitare, anche qui, assembramenti di persone. Bar e ristoranti potranno tenere aperti i battenti, ma solo servendo ai tavoli, e assicurandosi che i clienti restino almeno a un metro di distanza l’uno dall’altro.

SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE

Attenzione per una corretta prevenzione in tutte le scuole di ordine e grado. Disinfettanti per l'igiene delle mani saranno messi a disposizione negli edifici della pubblica amministrazione e nei locali aperti al pubblico. I sindaci dovranno promuovere la diffusione delle informazioni nei locali commerciali.

Le aziende di trasporto pubblico adottaranno interventi straordinari per la sanificazione. Nelle procedure concorsuali saranno adottate misure per ridurre i contatti tra i candidati. Chi a partire dal 14 febbraio sia tornato dalla Cina o dalla zona rossa italiana deve fornire comunicazione alla propria Asl. Vengono agevolate forme di telelavoro. Tutti i viaggi di istruzione sono sospesi fino al 15 marzo.

Seguici su tutti i nostri canali social

 

COMMENTI

Lascia un commento





Marzo 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

    






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph