Emergenza cinghiali: in Lombardia caccia estesa a tutto l'anno, anche di notte con visori

Redazione 26/05/2020 0 commenti

Il mondo agricolo bergamasco è esasperato e si aspetta una svolta positiva dalla revisione delle legge sulla caccia approvata oggi in Lombardia - fanno sapere da Coldiretti Bergamo -. La presenza di cinghiali nelle aree prealpine della provincia è ormai diventata insostenibile, le segnalazioni di danno alle produzioni agrarie aumentano di anno in anno e oltre ad essere una presenza costante nelle vicinanze dei centri urbani, si sta verificando lo spostamento di gruppi di cinghiali in zone in cui non si erano mai visti, come i pascoli delle nostre montagne.

“La misura della sopportazione del settore agricolo è ormai colma – dichiara Angelo Casali responsabile di Coldiretti Bergamo per l’attività venatoria- è già di per sé difficile fare agricoltura in determinate aree come quelle montane, anche per effetto dell’emergenza sanitaria, se a questo ci aggiungiamo i danni prodotti dalla fauna selvatica, diventa quasi impossibile. L’auspicio è che ora con la caccia al cinghiale estesa per tutto l’anno, anche di notte grazie all'utilizzo dei visori notturni, si possa contenere il problema in modo deciso”. Purtroppo a causa della pandemia - fa sapere Coldiretti - nei mesi scorsi le misure di contenimento sono state sospese e questo ha aggravato ulteriormente la situazione.

“Prendiamo atto dell’impegno svolto dal Comprensorio Alpino delle Prealpi Bergamasche – continua Casali – ma oggi, visti i risultati, ci vuole più coraggio per affrontare questa situazione che sta rischiando di scappare di mano a tutti, dai cacciatori ai decisori pubblici”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

La Regione - si legge nel comunicato stampa di Coldiretti - sembra essersi assunta tale responsabilità con le modifiche proposte alla legge regionale sulla caccia al cinghiale e per questo va il plauso del mondo agricolo all’assessore Fabio Rolfi e al consigliere Giovanni Malanchini, i cacciatori invece dovrebbero disquisire meno sui capi da indossare, evitare di creare una situazione di confusione sulla vicenda e fare quello che sanno fare, cioè cacciare.

Casali non ha dubbi: “Pensiamo sia arrivato il momento di rivedere la gestione portata avanti fino ad ora e riformulare i presupposti che sottostanno sia al prelievo venatorio sia all’attività di controllo”.

Innanzitutto – sottolinea Coldiretti Bergamo - considerare tutto il vasto territorio del Comprensorio alpino con oltre 67 mila ettari di superficie agricola e pascolativa area idonea dal punto di vista ecologico alla presenza del cinghiale non pare, per la variabilità e la diversa suscettività agraria, confacente alle reali esigenze.

E’ inoltre necessario pensare ad un’attività di stima della popolazione dei cinghiali che muova da parametrazioni diverse rispetto a quelle attuali, anche se imposte da ISPRA, che secondo Coldiretti Bergamo non fotografano pienamente la realtà dei fatti. 

Infatti la determinazione della consistenza per la stagione in corso basandosi solamente sullo storico dei capi abbattuti e i dati cinegetici rilevati anche se scientificamente applicabile, risulta poco realistica anche per effetto che non tutte le aree del Comprensorio sono state coperte dal prelievo negli scorsi anni, infatti mancano a copertura oltre 25 mila ettari.

“Siamo consapevoli del lavoro svolto dal Comprensorio in questi anni – afferma Casali -, un impegno  che ha portato ad un incremento del prelevamento dei cinghiali, che è stato ottenuto riducendo lo sforzo venatorio non solamente grazie al miglioramento dell’attività di caccia, ma anche per effetto di una maggior densità di animali. Per questo riteniamo necessario ripensare alla ripartizione delle formule di caccia con un maggiore equilibrio tra selezione e collettiva troppo spostata verso la seconda”.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Febbraio 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28







Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph