Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Moioli vince la Coppa del Mondo di snowboard: dedica all'Italia e al nonno malato di coronavirus

Michela Moioli è campionessa del mondo di snowboard cross. Un trofeo dedicato all'Italia, alla sua Alzano Lombardo e al nonno, che ha contratto il Covid-19.
13 Marzo 2020

Michela Moioli ha vinto la Coppa del Mondo di Snowboard cross. Un trofeo desiderato e dedicato all'Italia, alla sua Alzano Lombardo e al nonno Antonio, che sta combattendo dopo aver contratto il coronavirus. Sulle nevi svizzere di Veyzonnaz la Moioli ha portato a termine una gara che non ha ammesso repliche dalle altre partecipanti, al grido di “Forza Italia” urlato a squarciagola prima della batteria finale. Per la 24enne azzurra si tratta del 30esimo podio della sua carriera: “Non potevo concludere di meglio – ha spiegato la giovane olimpionica del Centro Sportivo Esercito – Sapevo di avere la coppa in mano, ma ci tenevo a finire in crescendo, e vincere per tutta la mia gente”.

Un torneo, il suo, dominato in tutte le sue gare e alimentato da una forza travolgente, ma al tempo stesso reso complicato per la delicata situazione italiana, in particolare quella familiare. È di pochi giorni fa, infatti, un post che l'azzurra ha dedicato ai nonni Antonio e Adriana sulla sua pagina Facebook. “Lui classe '35, ha contratto il virus ed è ricoverato a Bergamo, positivo al coronavirus – ha scritto Michela – Ha 84 anni, è solo e nessuno può andare a trovarlo. Non lo vedo da tre settimane e spero di poterlo vedere ancora. Spero che il suo cuore e i suoi polmoni siano più forti di questo virus, spero che tenga duro. Questo virus ci mette in ginocchio, lasciando il vuoto anche dentro di noi”.

Nessuna lacrima però per Michela, quando ha alzato al cielo la coppa di cristallo, la terza della sua carriera. Soltanto un sorriso, un bacio ed un pensiero rivolto all'Italia intera. “È stata una finale molto dura e spettacolare – ha spiegato la giovane – questa Coppa del mondo la considero come la mia terza figlia, sognata nell'intera stagione, ad ogni gara. È un trionfo dedicato all’Italia, un bel momento da regalare al mio Paese che sta vivendo un momento di difficoltà, spero di avere portato un pizzico di serenità. Il miglior momento dell’anno è stato a Cervinia, quando ho vinto davanti ai miei familiari e ai miei tifosi e amici. I giorni più difficili sono stati quelli in cui sono stata costretta a rimanere lontana dai miei affetti a causa di quanto sta succedendo e quando ho rischiato di non correre settimana scorsa a Sierra Nevada”.

(Fonte: L'Eco di Bergamo – Fonte immagine in evidenza: Rai Sport)

Ultime Notizie

X
X
linkcross