Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Paladina-Sedrina, il viceministro Morelli in Provincia per discuterne il futuro

Il viceministro alle Infrastrutture Alessandro Morelli ha accolto l'invito della Provinca e il prossimo venerdì pomeriggio si recherà negli uffici di Via Tasso per discutere del futuro della Paladina-Sedrina
22 Novembre 2021

Il viceministro alle Infrastrutture Alessandro Morelli ha accolto l'invito della Provinca e il prossimo venerdì pomeriggio, 26 novembre, si recherà negli uffici di Via Tasso per discutere del futuro della Paladina-Sedrina, terzo lotto della Tangenziale Sud di Bergamo.

L'opera viabilistica, importantissima per lo sviluppo della Valle Brembana ma non solo, è in stallo in fase di progettazione definitiva ormai da quasi due anni, ovvero dal febbraio del 2020. All'appello mancherebbero altri 3 milioni di euro, 1,8 dei quali potrebbero arrivare dalla Comunità Montana Valle Brembana che sarà invitata all'incontro insieme ai sindaci dei Comuni interessati dal tratto di strada, consiglieri regionali e parlamentari bergamaschi.

In più, sempre dal progetto preliminare presentato nel 2020, le cifre di realizzazione sarebbero ulteriormente lievitate a 421 milioni. Perciò nei mesi scorsi l'allora presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli aveva cercato di chiarire la possibilità di ricevere un tale finanziamento da Roma prima di impegnare fondi provinciali nella progettazione.

L'obiettivo, come sottolineato dall'attuale Presidente della Provincia Pasquale Gandolfi, è quello di dare un messaggio di compattezza e mostrare che la Bergamasca "vuole quest'opera", soprattutto alla luce della recentissima apertura della variante di Zogno che ha messo ancora più in evidenza la necessità di sciogliere i nodi di traffico a "valle".

Pare che gli uffici di Via Tasso stiano lavorando a snellire il progetto per alleggerirne i costi, senza però snaturare l'opera e salvaguardando sempre il suo inserimento ambientale. Con il viceministro, invece, si cercherà di capire eventuali possibili finanziamenti e, in caso, come procedere concretamentwe in questa direzione.

Fonte: L'Eco di Bergamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

X
X
linkcross