Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

San Pellegrino saluta le sue suore, 148 anni di storia: "Ora siamo inevitabilmente più poveri"

Arrivate a San Pellegrino Terme nel lontano 1874, le suore della Congregazione delle Figlie della carità di San Vincenzo de' Paoli lasciano la cittadina termale e la Valle Brembana. A loro la comunità del paese brembano ha dato un caloroso saluto domenica 3 aprile, durante la Santa Messa delle ore 10.30 in chiesa parrocchiale.
4 Aprile 2022

Arrivate a San Pellegrino Terme nel lontano 1874, le suore della Congregazione delle Figlie della carità di San Vincenzo de' Paoli lasciano la cittadina termale e la Valle Brembana. A loro la comunità del paese brembano ha dato un caloroso saluto domenica 3 aprile, durante la Santa Messa delle ore 10.30 in chiesa parrocchiale.

Le suore erano arrivate 148 anni fa per assistere le operaie dello stabilimento di filature Beaux. Poi si misero al servizio della comunità ricoprendo le più svariate mansioni in parrocchia, per gli anziani, i malati, nella casa di riposo e alla scuola materna, dove tra l'altro hanno vissuto fino ad ora. Le suore erano presenti anche a San Giovanni Bianco e a Zogno. Le ultime tre suore rimaste (suor Gaetanina Maltagliati, 75 anni, suor Raffaella Baldini, 85 anni, e suor Lidia Pesenti, 73 anni) lasceranno San Pellegrino per raggiungere la casa di Pallanza il giorno 19 aprile. Il motivo di questo addio è la "mancanza di vocazioni. Qui ci legano tanti ricordi, siamo state amate" spiega suor Gaetanina a L'Eco di Bergamo.

"A nome del sindaco, assente a causa del virus che purtroppo lo ha colpito - spiega il vicesindaco Vittorio Milesi - porgo il saluto più affettuoso e il grazie riconoscente a Suor Gaetanina, Suor Raffaella e Suor Lidia che stanno per concludere il loro servizio nella nostra cittadina.  Non è facile salutare le persone che ci sono care e che ci lasciano dopo aver donato con grande generosità e passione tanto bene ad ognuno di noi, come all'intera comunità. Ancora più difficile quando, come in questo caso, al saluto alle nostre Suore si accompagna la conclusione della storia straordinaria della Suore "Figlie della Carità" della Congregazione di San Vincenzo de' Paoli a San Pellegrino Terme: presenza, lunga quasi 150 anni, tutti interamente spesi nel servizio alla nostra cittadina con lo sguardo sempre attento ai bisogni della sua gente ed in particolare nei riguardi delle persone in condizioni di maggior fragilità e debolezza. 

Una splendida pagina di storia della nostra cittadina che si chiude - prosegue Milesi - , che ci fa avvertire il peso di un distacco che ci rende inevitabilmente più poveri, ma che ci consente di cogliere la grandezza, la bellezza e l'importanza di questo lungo e straordinario cammino, consegnandoci la responsabilità di raccogliere e prolungare, con modalità e forme necessariamente diverse, questa speciale testimonianza di passione e amore che avete regalato alla nostra comunità. 

Siete state davvero sempre una risorsa e un tesoro preziosi non soltanto per la comunità religiosa ma anche per quella civile di San Pellegrino Terme, operando via via in ogni ambito dove emergevano nuove necessità e bisogni: Setificio/Filatoio, Oratorio, Scuola materna, Casa di riposo, formazione dei nostri bimbi, ragazzi, giovani, attenzione alle famiglie, agli anziani, ai malati ecc. Siete state in tutti questi anni una presenza discreta, attenta, umile, rassicurante e operosa che vi ha reso uno dei punti di riferimento più significativi e riconosciuti della nostra cittadina che proprio per questo continuerà a ricordarvi con riconoscenza e grande affetto.Un grazie doveroso e riconoscente da estendere alla Congregazione di San Vincenzo de' Paoli che ha assicurato e garantito a San Pellegrino Terme il privilegio e l'onore della presenza per 148 anni della suore "Figlie della Carità".

Se mi è consentito aggiungere una nota di carattere personale - conclude il vicesindaco -, vorrei dire che questi anni vi ho sempre sentite vicine, attente e sensibili alle stesse difficoltà, fatiche e incomprensioni che circondano l'impegno civico e anche di questa speciale vicinanza e sostegno vi sono sinceramente grato. Grazie di cuore per tutto il bene che avete donato a San Pellegrino Terme: un grazie che si accompagna all'augurio più affettuoso di tanta salute e di un buon cammino nella vostra strada nella quale vi seguiremo sempre con l'affetto e la stima che hanno caratterizzato questa Vostra presenza nella vostra cittadina".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime Notizie

X
X
linkcross