Sant’Omobono Terme a metà Ottocento? Disponibili online le mappe storiche

Ieri pomeriggio, venerdì 19 aprile, nello Spazio Viterbi della Provincia è stato presentato il progetto “Catasto Storico”. L’obiettivo è di rendere disponibile per la consultazione informatica i dati e le […]
20 Aprile 2024

Ieri pomeriggio, venerdì 19 aprile, nello Spazio Viterbi della Provincia è stato presentato il progetto “Catasto Storico”. L’obiettivo è di rendere disponibile per la consultazione informatica i dati e le mappe storiche di metà Ottocento dei Comuni contenute nel sistema informativo dell’Isola Bergamasca ed esteso ad oltre 20 Comuni censuari ottocenteschi (catasto Lombardo-Veneto). Tra questi anche Sant’Omobono Terme, le cui mappe storiche sono visibili a questo link.

L’iniziativa è promossa dall’associazione Isola Bene Comune con il contributo della Provincia di Bergamo e del Consorzio del Bacino Imbrifero Montano del Lago di Como e Fiumi Brembo e Serio. Sarà inoltre possibile prevedere la possibilità di accesso diretto, tramite link, alla cartografia di epoca napoleonica consultabile attualmente sul sito dell’Archivio di Stato di Milano.

Il vicepresidente della Provincia dichiara: “Alcuni Comuni hanno già aderito all’iniziativa, negli anni scorsi, con progetti pilota e oggi il portale dedicato fornisce ai cittadini l’accesso alle informazioni e ai dati cartografici, adattati ai nuovi standard, propri di ogni particella catastale (destinazione d’uso, possessore, superficie, rendita, numero dei gelsi, toponomastica, ecc.), di ogni ditta (intestazione censuaria per persone o enti), di ogni strada (nome, definizione dei punti di partenza e di arrivo), strumenti molto utili non solo a livello storico ma anche attualmente a scopo consultativo e urbanistico. Con il sostegno della Provincia e del BIM si punta ora ad estendere progressivamente il progetto anche in altri Comuni del territorio, a cominciare dalle aree dell’Isola e Val San Martino”.

LEGGI ANCHE

Gioco d’azzardo, armi e blasfemia: la Valle Imagna nel Medioevo, tra tradizioni e contraddizioni

Il Centro Storico Culturale premia le tesi di laurea sulla Valle Brembana

Quando anche in Valle Brembana arrivarono le lettere affrancate

Foto: Archivio Stato di Bergamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

X
X
linkcross