Atalanta spaziale, cinquina al Bologna per rimanere in alto

Leandro Rinaldi 25/04/2021 0 commenti

Travolgente. L’Atalanta si abbatte come un uragano sul Bologna, il posticipo serale della 33esima giornata di Serie finisce 5 a 0, prova di forza e superiorità tecnica per i bergamaschi, apparsi in grande spolvero, come del resto succede da due mesi a questa parte.

La grande novità in casa orobica è il rientro di Hateboer, l’esterno olandese ritrova il campo dopo 3 mesi dall’infortunio di San Siro e agisce sulla fascia destra, a sinistra Mahele prende il posto dello squalificato Gosens. In avanti Malinovskyi, in grande condiziona, gioca dietro a Zapata e a Muriel. Il Bologna opta per un 4-2-3-1 con Palacio unica punta e Barrow, Soriano e Skov Olsen alle sue spalle, in difesa tre centrali puri più De Silvestri terzino destro.

La gara inizia su ritmi elevati, i felsinei partono bene e Skov Olsen impegna Gollini in due occasioni. La Dea ha però parecchie frecce al proprio arco, la più acuminata porta il nome di Muriel. Al minuto 22 il colombiano riceve al limite da Malinovskyi e completa il triangolo con un grande passaggio di tacco che mette l’ucraino a tu per tu Skorupski, sinistro imparabile e vantaggio orobico. Malinovsky sempre più uomo-copertina.

L’Atalanta sfiora il raddoppio un minuto più tardi, Muriel ubriaca due difensori in piena area avversaria, la sua conclusione sul primo palo coglie il legno. I padroni di casa crescono con l’andare dei minuti e al 44’ il numero 9 ex Fiorentina batte un corner da destra, Romero viene affossato da Dnailo e Fabbri indica il dischetto. Dagli undici metri è proprio Muriel a trovare il 2 a 0.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

 

Il secondo tempo potrebbe anche vedere una ripresa dei rossoblù, memori anche di quanto accaduto all’andata al Dallara, ma al minuto 49 il match di fatto si chiude. Shouten entra malissimo su Romero, rosso diretto per l’olandese e Bologna alle corde. Il colpo del ko giunge quando Freuler recupera palla al limite dell’area felsinea e batte Skorupski, 3 a 0 che diventa 4 quando Zapata si avventa su pallone vagante all’altezza del rigore e lo mette in porta con l’interno destro.

Risultato in ghiaccio a mezzora dalla fine, c’è solo il tempo per la rete di Miranchuk al 73’: Maehle lavora la palla sulla sinistra e serve il russo sui 20 metri, controllo a superare un avversario e botta sul primo palo per il pokerissimo firmato dal numero 59, ottimo il suo spezzone di gara.

Atalanta dilagante con merito, i bergamaschi dimostrano per l’ennesima volta la grande qualità del proprio gioco, quando sfruttano le occasioni create, poi, diventano quasi inarrestabili. Una prova di forza che rilancia gli uomini di Gasperini ai piani altissimi della classifica, un rush finale sempre più spettacolare a cinque partite dal triplice fischio sul campionato.

L'ex Cristian Raimondi deposita un mazzo di fiori di fronte allo striscione dedicato a "Corradino", storico tifoso della Curva Nord scomparso ieri.

Photo Credit: Alberto Mariani

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Maggio 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

      








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph