1 milione per pietre a secco, botteghe e agricoltura: i progetti del GAL per le nostre valli

Eleonora Busi 25/05/2020 0 commenti

Sono 1 milione e 85 mila gli euro assegnati da Regione Lombardia a favore di diversi GAL, fra cui anche il Gal Valle Brembana 2020 (Gruppo di Azione Locale, che - nonostante il nome - comprende anche il territorio della Valle Imagna), nell'ambito del bando Pst Operazione 19.03.01 “Cooperazione interterritoriale e transnazionale”. La cifra sarà necessaria a finanziare tre progetti dai diversi obiettivi, dalla valorizzazione dei muretti a secco, fino alle attività del territorio e la lotta contro il cambiamento climatico.

Siamo felici – ha dichiarato Lucia Morali, presidente del Gal Valle Brembana 2020, a L'Eco di Bergamo dei fondi destinati complessivamente a noi e agli altri Gal. Soprattutto vista la fase di ripartenza che dobbiamo affrontare dopo l'emergenza coronavirus. Saranno di grande aiuto per il rilancio delle nostre zone”.

P-Art, “Un pietra sopra l'altra: un'arte da custodire” è il nome del progetto del Gal Valle Brembana 2020, a cui la Regione ha destinato 380 mila euro. L'obiettivo è la valorizzazione delle strutture in pietra a secco, un patrimonio che caratterizza in maniera particolare i nostri paesaggi rurali. “Vogliamo trasformarlo in un driver per lo sviluppo locale, attraverso lo sviluppo di una nuova filiera legata all'Arte dei Muretti a secco recentemente riconosciuta come Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco” ha spiegato Morali.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

312 mila gli euro destinati al progetto “Una montagna di botteghe”, di cui è capofila il Gal Garda Valsabbia 2020, che vuole far conoscere ma soprattutto valorizzare le piccole attività del territorio attraverso una serie di azioni ed iniziative destinate a ragazzi, sportivi e residenti.

L'obiettivo è far capire l'importanza delle attività imprenditoriali del territorio e il valore che deriva dal consumo di prodotti derivanti dalla filiera corta – ha aggiunto il presidente – Un'importanza che hanno anche ai fini turistici e del turismo sportivo, che per il prezioso servizio che apportano alla comunità e a quella parte della popolazione (ad esempio anziani) che potrebbero necessitare di un supporto nella vita quotidiana”.

Per quanto riguarda il progetto “Climactive2050 – Servizi ecosistemici" – che vede come capofila il Gal Oglio Po, sono stati stanziati 393 mila euro. L'obiettivo, in questo caso, è quello di supportare le aree rurali e i loro sistemi agricoli, rafforzando le azioni contro i cambiamenti climatici, “favorendone la resilienza e la diversificazione attraverso la valorizzazione dei servizi ecosistemici e contribuendo, in questo modo, al raggiungimento degli obiettivi in maniera di ambiente e clima dell'Ue” ha precisato Morali.

Infine, Regione Lombardia ha finanziato due ulteriori progetti: il primo si chiama “Autovalutazione Plus”, con il Gal dei Colli di Bergamo e del Canto Alto come capofila, a cui sono stati assegnati 271,7 mila euro, mentre il secondo si tratta di “Weal”, 265 mila euro con il Gal del Garda e Colli mantovani.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Luglio 2020

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

  






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph