Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Vuoi fare il rifugista? Il rifugio Fratelli Calvi di Carona è in cerca di gestore

l CAI sezione di Bergamo ha pubblicato un bando di gestione che scadrà il 15 gennaio 2022 e con il quale intende riaffidare la struttura dall'1 marzo 2022 al 31 dicembre 2024.
4 Gennaio 2022

Il rifugio Fratelli Calvi di Carona è senza gestori, dopo 28 anni di onorato servizio da parte dei rifugisti Claudio Bagini e Battistina Busi. Il CAI sezione di Bergamo ha pubblicato un bando di gestione che scadrà il 15 gennaio 2022 e con il quale intende riaffidare la struttura dall'1 marzo 2022 al 31 dicembre 2024.

Come si legge nel bando, il CAI affiderà, oltre al rifugio, "attrezzature e impianti di esercizio nonché tutto il mobilio e l’arredo, licenze e autorizzazioni atti a garantire la sua piena funzionalità e per la ristorazione e per l’alloggio degli alpinisti, degli escursionisti e altri frequentatori". Tutte le info del bando, e come partecipare, sul sito ufficiale del CAI Bergamo a questo link.

LA STRUTTURA

Rifugio Alpinistico di categoria “C”, posto in Comune di Carona, altitudine 2015 metri, comprensivo di fabbricato, attrezzature d’esercizio, mobili ed arredi, composto da 1 piano interrato, 3 piani fuori terra, per vani 29.

Composto al piano interrato da cantina e locale caldaia, al piano terra da ingresso, atrio, bar, servizi igienici, cucina, sala da pranzo e locale invernale, al piano primo da 12 camere e blocco servizi, al piano secondo da 10 camere e blocco servizi, come risultante dalle planimetrie.

Nel 2022 verranno realizzati alcuni lavori di ristrutturazione che prevedono la realizzazione di un nuovo impianto di riscaldamento della sala da pranzo e delle camere, la realizzazione di una doccia aggiuntiva al piano secondo e il rifacimento dei rivestimenti interni del locale cucina. L’approvvigionamento idrico del rifugio avviene tramite prelievo da una sorgente a poca distanza dal rifugio. L’impianto elettrico del rifugio è collegato alla rete ENEL.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

X
X
linkcross