Coronavirus: task force in Lombardia, in Bergamasca medici di famiglia pronti e formati

Redazione 30/01/2020 0 commenti

Regione Lombardia è pronta ad affrontare l'emergenza coronavirus in vista di un eventuale arrivo in Italia del virus - che in Cina ha contagiato 4 mila persone e ne ha uccise oltre 100 - : pronta una task force con tre laboratori, decine di specialisti e 17 reparti di malattie infettive di riferimento (tra i quali anche il Papa Giovanni XXIII di Bergamo). 

"La task force per riconoscere e affrontare eventuali casi di coronavirus in Lombardia è al completo, con tre laboratori dove trasmettere i campioni da analizzare e 17 reparti di malattie infettive di riferimento. Abbiamo nelle scorse ore emanato alcune indicazioni procedurali importanti per i medici di base e per gli specialisti ospedalieri, in costante raccordo con il Ministero della Salute - ha spiegato l’assessore al Welfare Giulio Gallera, che invita tutti a porre attenzione ai "tempi di riferimento dei viaggi e alle frequentazioni a rischio di contagio, prendendo in considerazione gli ultimi 14 giorni dall’esordio dei sintomi”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

Qualora si trovasse un caso sospetto “i medici devono segnalare il caso all'Ats di competenza e attraverso procedure informatiche specifiche, gestendo il paziente in stretto raccordo con i referenti delle malattie infettive”. Sarà invece compito della Regione - come scrive La Stampa -  inserire i dati nel sistema nazionale classificandoli in base alla data di partenza dalla Cina, volo di ritorno in Italia e aeroporto di arrivo, contatto telefonico del paziente e del medico curante e, infine, laboratorio di riferimento a cui è stato inviato il campione biologico del caso sospetto.

"Sul pezzo" anche i medici di famiglia della provincia di Bergamo, tutti formati per affrontare l'emergenza e pronti a fornire ai loro pazienti tutte le informazioni del caso e gestire eventuali casi sospetti, come rassicura a L'Eco di Bergamo Guido Marinoni, presidente dell'Ordine dei Medici della provincia di Bergamo. "Come sempre – commenta Marinoni – i medici di Bergamo sono in prima linea in casi come questo. A Bergamo non sono state rilevate situazioni di emergenza, ma i pazienti chiedono informazioni. Il primo punto di riferimento sono i medici, in particolari i medici di famiglia i quali hanno recepito le indicazioni ministeriali".

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Settembre 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

   






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph