Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Incentivi a medici e agricoltori, meno tasse ai giovani: ok al disegno di legge sulla montagna

Le zone montane saranno oggetto di una specifica strategia dedicata alla montagna italiana, la cosiddetta SNAMI, che garantirà la destinazione delle risorse del Fondo per lo sviluppo delle montagne italiane.
11 Marzo 2022

"Bene l'approvazione oggi (ieri per chi legge ndr) da parte del Consiglio dei Ministri del disegno di legge recante 'Disposizioni per lo sviluppo e la valorizzazione delle zone montane'. In questi mesi abbiamo collaborato con il ministro Gelmini e siamo arrivati ad un testo che certo può essere migliorato nelle fasi parlamentari, ma che dimostra l'attenzione e la sensibilità del Governo verso la montagna". A dichiararlo è Massimo Sertori, assessore di Regione Lombardia con delega alla montagna.

Il disegno di legge interviene, in modo particolare, attraverso lo sviluppo delle seguenti misure:

- sanità di montagna (forme di incentivazione in favore dei medici e degli operatori sociosanitari che prestano la propria attività lavorativa nei Comuni montani);

- scuole di montagna (agevolazioni e premialità per gli insegnanti che prestano il servizio scolastico nelle aree montane);

- incentivi agli imprenditori agricoli e forestali (credito di imposta, agli imprenditori agricoli e forestali che esercitano la propria attività nei Comuni montani e che investono nelle pratiche benefiche per l'ambiente ed il clima);

- misure fiscali di favore per le imprese montane 'giovani' (credito d'imposta per le piccole e microimprese che intraprendono la propria attività nei Comuni montani destinatari di tale forma di agevolazione e in cui il titolare o almeno uno degli esercenti non abbia compiuto 36 anni di età);

- misura 'Io resto in montagna' (detrazioni sul mutuo per chi, con meno di 41 anni, acquista una prima casa in un Comune montano con meno di 2.000 abitanti);

LE RISORSE - Le zone montane saranno oggetto di una specifica strategia dedicata alla montagna italiana, la cosiddetta SNAMI, che garantirà la destinazione delle risorse del Fondo per lo sviluppo delle montagne italiane (FOSMIT) stanziate dall'ultima legge di bilancio, consistenti in 100 milioni per il 2022 e 200 milioni a decorrere dal 2023.

"È questo un passaggio fondamentale - continua Sertori - che mira a scongiurare lo spopolamento dei territori montani e a valorizzarne gli straordinari potenziali. Con questa normativa - conclude l'assessore Sertori - si cerca di dare un aiuto effettivo ai servizi presenti nelle Terre Alte, condizione fondamentale per la vita quotidiana di chi le abita".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

X
X
linkcross