Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

La Coppa Italia resta a Roma, Atalanta sconfitta

L'Atalanta perde un'importante battaglia, ma non la 'guerra' di una stagione comunque esaltante e non certo conclusa.
15 Maggio 2019

L'Atalanta perde un'importante battaglia, ma non la "guerra" di una stagione comunque esaltante e non certo conclusa. La Coppa Italia resta a Roma e ad alzarla al cielo è il capitano della Lazio Lulic, dopo un 2-0 che in termini numerici è probabilmente eccessivo, maturato negli ultimi otto minuti con le reti di Milinkovic Savic (colpo di testa su corner dopo essere entrato dalla panchina pochi minuti prima) e Correa, in contropiede.

Gasperini in difesa ha preferito Palomino a Mancini e schierato Ilicic a destra, mischiando un poco le carte. La Lazio è più pugnace, con ammonizioni sacrosante per Bastos (poi sostituito da Radu) e Lulic. La maggior occasione del primo tempo è dell'Atalanta, con un tiro di De Roon sugli sviluppi di un calcio di punizione che si stampa sul palo a Strakosha battuto, dopo aver nettamente incocciato in un braccio di Bastos. Inspiegabile il mancato intervento dell'arbitro e, soprattutto, del Var.

Nella ripresa Inzaghi muove attacco e centrocampo inserendo Milinkovic Savic e Caicedo (al posto di un Immobile di nome e di fatto), mentre Gasperini cambia uomini (tre in un colpo solo) inserendo Barrow (per Zapata), Gosens (per Castagne) e Pasalic (per De Roon) solo dopo il secondo gol biancazzurro. Fra i singoli buon dinamismo di Gomez, ma poca incisività per Zapata, scarsa ispirazione per Ilicic (spesso toccato duro) e poco dinamismo di Freuler.

In difesa gravi incertezze di Djimsiti. Poteva succedere ed è successo. I 25.000 arrivati da Bergamo l'hanno capito, salutando i propri beniamini da onorevoli combattenti. E di battaglie, in campionato, ancora ne devono arrivare. Forza Atalanta.

Ultime Notizie

X
X
linkcross