Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Transumanza patrimonio Unesco? Si decide in questi giorni

Questa è la settimana decisiva per la transumanza in chiave Unesco. Si riunirà infatti oggi, lunedì 9 dicembre, a Bogotà in Colombia, il Comitato Mondiale dell'Unesco.
9 Dicembre 2019

Questa è la settimana decisiva per la transumanza in chiave Unesco. Si riunirà infatti oggi, lunedì 9 dicembre, a Bogotà in Colombia, il Comitato Mondiale dell'Unesco, che deciderà se includere o meno la pratica della migrazione stagionale dei pastori - brembani e valdimagnini compresi, ovviamente - nella Lista dei Patrimoni Culturali Immateriali Mondiali dell'Umanità.

La transumanza, ovvero il trasferimento delle mandrie o delle greggi verso i pascoli di montagna nella stagione estiva, e verso i pascoli a valle, nella stagione invernale (che in Valle Brembana e Imagna conosciamo molto bene). La proposta è stata portata avanti dal governo italiano - capofila insieme a Grecia e Austria - e presentata e formalizzata a Parigi il 27 marzo 2018.

A decidere saranno i delegati di 24 Stati: Armenia, Austria, Azerbaijan, Cameroon, Cina, Colombia, Cuba, Cipro, Djibouti, Guatemala, Giamaica, Giappone, Kazakhstan, Kuwait, Libano, Mauritius, Olanda, Palestina, Filippine, Polonia, Senegal, Sri Lanka, Togo e Zambia. 

L'idea di candidare la transumanza è partita nel 2015 su iniziativa di un gruppo di azione locale del Molise, che ha chiamato a raccolta tutti i pastori transumanti locali, a cui di seguito hanno risposto anche i colleghi di Campania, Lazio, Puglia e Abruzzo.

Ultime Notizie

Ospedale Papa Giovanni XXIII a Superquark con la terapia genica

E' andato in onda nella puntata speciale di sabato 13 agosto il servizio che la redazione di Superquark ha girato nelle scorse settimane all'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo con protagonista Gaia, la prima paziente al mondo curata con successo dalla sindrome di Crigler-Najjar.

X
X
linkcross