Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Zogno, ha aperto la nuova rotatoria di Ambria: traffico più snello

Sono ormai giunti a conclusione i lavori di realizzazione della rotatoria allo snodo di Ambria, nel territorio del Comune di Zogno, iniziati lo scorso autunno. Manca soltanto qualche ritocco e l'opera sarà completa.
9 Marzo 2022

Sono ormai giunti a conclusione i lavori di realizzazione della rotatoria allo snodo di Ambria, nel territorio del Comune di Zogno, iniziati lo scorso autunno. Manca soltanto qualche ritocco e poi l'opera sarà completa. Da tempo quel tratto di strada necessitava di un intervento: lì, infatti, convergono ben cinque direttrici - fra cui la SP27 della Val Serina e la SS470 della Valle Brembana.

Perciò nel tempo era diventata un nodo particolarmente critico, che recentemente ha avuto l'opportunità di essere sistemato grazie ad una convenzione fra il Comune di Zogno e la Sanpellegrino Spa.

In cambio della concessione di edificazione del ponte sul Brembo e del parcheggio coperto realizzati entrambi in territorio comunale, la società di acque minerali si è assunta l'impegno di eseguire a proprie spese alcune opere di compensazione.

Fra queste vi sono l'illuminazione della ciclopedonale nel tratto che va da Ambria a San Pellegrino Terme e la realizzazione (appunto) di uno spartitraffico, per un impegno economico complessivo di quasi 600 mila euro. Da qualche giorno la rotatoria - dalla forma allungata - è già attiva; a mancare sono alcuni ultimi dettagli, fra cui la stesura del manto d'usura dell'asfalto e la segnaletica, sia orizzontale che verticale.

L'intervento, secondo quanto affermato dal vicesindaco di Zogno Giuliano Ghisalberti, non è stato semplice dal punto di vista tecnico: il motivo, soprattutto, è da ricercare nel disassamento della direttrice che arriva da Spino al Brembo, la quale ha richiesto un particolare studio. Nel corso dei lavori, inoltre, si è intervenuto per sistemare alcuni importanti sottoservizi. I primi risultati del nuovo snodo vallare già si notano, soprattutto nella gestione del traffico sensibilmente più snella.

Fonte: L'Eco di Bergamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime Notizie

X
X
linkcross