Grande Dea verso la Final Eight: 4 a 1 al Valencia

Giambattista Gherardi 19/02/2020 0 commenti

Una serata quasi perfetta, da ricordate e raccontare, che apre le porte ad un'incredibile, impensabile Final Eight di Champions League. A San Siro l'Atalanta trionfa 4-1 e domina un Valencia mai domo.

Al via Gasperini sceglie la soluzione senza Zapata centravanti, con un tridente offensivo formato da Gomez, Ilicic e Pasalic supportati da Freuler e De Roon (non necessariamente centrali) e sulle fasce da Gosens ed Hateboer, preferito a Castagne. In difesa confermatissimi Gollini, Toloi e Palomino, mentre dopo il riscaldamento Djimsiti deve lasciare il posto a Caldara (titolare a San Siro in Champions è per lui enorme rivincita) per un risentimento muscolare. Scelte obbligate sulla sponda opposta per Celades, che deve fare a meno di Garay, Paulista, Coquelin, Rodrigo e Florenzi.

Al via dell'arbitro Oliver l'Atalanta si mostra concentrata e ben decisa ad imbastire le proprie trame, soprattutto a sinistra, dove Gosens e Gomez hanno l'inesauribile supporto di un ottimo Freuler. Al 16' arriva il gol del vantaggio con Hateboer dopo che Gomez semina scompiglio e panico fra i centrali iberici a dir poco spaesati, penetrando in area a luci spente,  leggero e letale. L'Atalanta arriva al tiro con mille soluzioni, ma quando abbassa il ritmo subisce le veloci trame del Valencia, che addirittura colpisce un palo con Ferran Torres dopo una punizione battuta a sorpresa.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

Non meno preoccupante pochi minuti dopo il diagonale di Guedes, che da sinistra taglia tutta l'area senza trovare la deviazione di un compagno sottomisura a Gollini battuto. Gasperini serra le fila e l'Atalanta torna a suonare la solita musica in area avversaria, prima con un buon tiro di De Roon , poi con il 2-0 di Ilicic che difende palla al limite e folgora Domenech con un destro di rara efficacia. Per lui l'ovazione di San Siro: è il primo gol in assoluto in Champions.

Nel secondo tempo la Curva intona la marcia dell'Aida e la squadra non è da meno nel comporre una grande sinfonia. Ilicic galvanizzato dal gol galleggia fra le linee e regala verticale profondità. Hateboer è uno stantuffo, Gomez un folletto ispirato. Il 3-0 arriva con una parabola capolavoro di Remo Freuler da vertice sinistro, mentre il 4-0 è di Hateboer,, che imbraccia una doppietta degna della Wierer. Il Valencia torna ad essere pericoloso, segna il 4-1 e sfiora almeno tre volte la seconda segnatura.

Il finale è di Gasperini: toglie Caldata e mette Zapata (!!!). Una mossa che rompe l'assedio e sigilla in risultato che al Mestalla offre qualcosa più di una speranza. Volano i sogni, vola una grande Atalanta. A Milano la notte è nerazzurra.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Marzo 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

    






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph