Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Papa Giovanni XXIII, 49 mila euro da Conad (e dai suoi clienti) per aiutare i bambini in cura

La donazione è il risultato dell’iniziativa di collezionamento solidale “Con tutto il cuore per un grande progetto di solidarietà”, attiva nei punti vendita Conad dal 1° Novembre al 24 Dicembre 2021.
11 Febbraio 2022

L’impegno di Conad per la Comunità si arricchisce di una ulteriore iniziativa di sostenibilità sociale, grazie all’iniziativa di collezionamento “Con tutto il cuore per un grande progetto di solidarietà”. Per le province di Bergamo, Lecco e Sondrio sono stati donati 49 mila euro a favore all’Ospedale Papa Giovanni XXIII per il progetto Giocamico che attraverso il gioco, la narrazione e la creatività mira a rendere i bambini più consapevoli del percorso di diagnosi e cura in Ospedale.

Grazie al prezioso contributo dei clienti e alla loro generosità, l’iniziativa virtuosa di collezionamento di 20 soggetti natalizi per l’addobbo e la decorazione, realizzati con materiali green, promossa da Conad Centro Nord nelle province di Reggio Emilia, Parma, Piacenza e di tutta la Lombardia, ha permesso di raggiungere la cifra complessiva di 210 mila euro per un grande progetto di solidarietà.

Per ogni premio distribuito, infatti, Conad Centro Nord ha devoluto 50 centesimi a favore di sei ospedali specializzati nella cura dei bambini presenti nei territori in cui la Cooperativa e i Soci operano ogni giorno: l’Ospedale Bambini Buzzi di Milano, l’Ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, l’Ospedale dei bambini "Pietro Barilla" di Parma, l’Ospedale di Piacenza, l’Ospedale dei bambini di Brescia e l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dando una mano concreta a chi lavora ogni giorno per rendere la vita di tutti i bambini ricoverati il più normale possibile.

La consegna della somma è stata ufficializzata ieri, giovedì 10 febbraio, all’Ospedale di Bergamo. Per l’ASST Papa Giovanni XXIII erano presenti il direttore generale, Maria Beatrice Stasi, il direttore della Psicologia, Maria Simonetta Spada e la psicologa referente del progetto Giocamico, Anna Caffi. In rappresentanza di Conad Centro Nord erano presenti Ivo Gualandris, socio del Conad Superstore di via Carducci a Bergamo, la responsabile delle relazioni esterne Veronica Corchia e i membri del Consiglio di Amministrazione Paolo Signorelli e Nicola Rotasperti.

“Quest’iniziativa è frutto della collaborazione sinergica tra la nostra Cooperativa, i nostri Soci e i nostri Clienti, che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa di collezionamento solidale dimostrando attenzione, sensibilità e generosità” spiega Nicola Rotasperti. “Oggi esprimiamo anche un profondo ringraziamento a tutto il personale sanitario che lavora e continua a lavorare senza sosta nei reparti di pediatria. Siamo “Persone oltre le cose” ed è grazie a iniziative come questa che possiamo esprimere il nostro valore concreto per il territorio, andando oltre le mura dei nostri punti vendita e accompagnando le Comunità in cui operiamo verso il futuro”.

Il contributo di Conad Centro Nord all’Ospedale Papa Giovanni di Bergamo sarà utilizzato per attivare nuovi contratti con psicologi da dedicare al progetto Giocamico, un percorso di sostegno psicologico ai pazienti più piccoli che devono sottoporsi a interventi chirurgici o esami invasivi. Al Papa Giovanni XXIII di Bergamo gli psicologi aiutano i bambini a immaginare cosa li aspetta, per poter mettere in moto le loro risorse, spesso davvero sorprendenti. Giacomino e Nadia, due bambole di pezza, raccontano ai bambini la loro esperienza in ospedale e a loro i piccoli pazienti confidano timori e dubbi, che possono così essere espressi e condivisi. A dieci anni dall’avvio del progetto, oggi Giocamico è ormai attivo in tutti i reparti pediatrici dell’Ospedale Papa Giovanni.

“Grazie a questo generoso contributo di Conad Centro Nord contiamo di estendere la presenza di Giacomino e Nadia ad altre Unità operative, per intercettare i bambini anche nei reparti non strettamente pediatrici. In Neuroradiologia, da gennaio 2021 i nostri psicologi aiutano il bambino a immaginare e simulare l’imminente esame per la risonanza magnetica - ha spiegato Maria Simonetta Spada –. Il gioco, la narrazione e la creatività consentono di favorire l’assunzione di un posizionamento attivo del piccolo paziente e un dialogo tra lui, la famiglia e i curanti. Questo approccio ci permette di costruire un vero e proprio consenso informato a misura di bambino. Tutto questo non sarebbe possibile senza il contributo dei nostri sostenitori, tra cui Conad Centro Nord che ormai ci supporta davvero da tanti anni”.

Parole di ringraziamento sono arrivate anche dal direttore generale dell’ASST Papa Giovanni XXIII, Maria Beatrice Stasi: “Ringrazio i nostri sostenitori che ci permettono di rafforzare ancor di più la nostra vocazione pediatrica. Qui i nostri medici, infermieri e gli operatori tecnici e sanitari si occupano di tutte le malattie dei bambini, già dalle settimane precedenti la loro nascita, grazie alla presenza di specialisti di qualsiasi disciplina. Grazie ai nostri psicologi, Giocamico permette a tutti i nostri piccoli pazienti di avere un impatto con la nostra realtà clinica forse più sereno, di certo più consapevole”.

L’impegno dedicato alle partnership sostenibili e, in particolare, alle iniziative di fidelizzazione a sostegno dell’ambiente e delle persone, rientra nel grande progetto di sostenibilità di Conad “Sosteniamo il futuro”, basato su tre dimensioni fondamentali dell’agire quotidiano dell’insegna: rispetto dell’ambiente, attenzione alle persone e alle comunità, valorizzazione del tessuto imprenditoriale e del territorio italiano.

Gli ospedali e i reparti pediatrici interessati dalle donazioni, con relativi importi e progetti, sono:

  • Per la provincia di Bergamo, Lecco e Sondrio sono stati devoluti 49 mila euro a favore del progetto Giocamico dell’ASST Papa Giovanni XXIII, percorso di sostegno psicologico ai pazienti più piccoli che devono sottoporsi a interventi chirurgici o esami invasivi
  • Per la provincia di Brescia, Cremona e Mantova sono stati devoluti 33 mila euro a favore del progetto “Servizio Psicologia Pediatrica Ospedaliera” dell’Ospedale dei Bambini degli Spedali Civili di Brescia attivato per migliorare il benessere psico-fisico attraverso il supporto psicologico dei piccoli pazienti e delle loro famiglie che devono affrontare percorsi diagnostici e terapeutici lunghi e complessi
  • Per la provincia di Reggio Emilia sono stati devoluti 40 mila euro al Presidio Ospedaliero Santa Maria Nuova di Reggio Emilia per la realizzazione di tre posti letto di Terapia Intensiva Subintensiva da destinare al reparto di Pediatria del futuro Mire (Ospedale Maternità e Infanzia Reggio Emilia, un nuovo edificio che sorgerà all’interno dell’Arcispedale Santa Maria Nuova e che avrà come obiettivo la tutela della salute della donna, del neonato e del bambino
  • Per la provincia di Parma sono stati devoluti 32 mila euro a favore dell’acquisto di una strumentazione tecnologica per la diagnosi e la cura dei giovani pazienti dell’Ospedale dei Bambini “Pietro Barilla”
  • Per la provincia di Milano, Lodi, Como, Varese, Pavia sono stati devoluti 39 mila euro a favore del progetto “#bambini fragili” che nascono o vengono curati all’Ospedale dei Bambini Vittore Buzzi di Milano
  • Per la provincia di Piacenza sono stati devoluti 17 mila euro a favore del Dipartimento Materno Infantile - Area Neonatologia dell'Ospedale di Piacenza per il progetto "Fin dal primo vagito"

L’iniziativa, condotta a livello nazionale da tutto il Sistema Conad, ha permesso una donazione complessiva di 1,9 milioni di euro a favore di 24 ospedali con reparti pediatrici in tutta Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime Notizie

Taragna per tutti i gusti a Roncola, il 2 luglio torna la Taragnafest

Dopo due anni di pausa a causa della Pandemia, torna una delle feste più attese della Valle Imagna: la Taragnafest. Primi piatti, grigliate alla brace, brasati, funghi porcini e ovviamente la taragna, regina indiscussa della festa, sono gli ingredienti fondamentali per una sagra che nei primi due weekend di luglio attirerà avventori da ogni parte della provincia.

X
X
linkcross